Voyager 2 (quasi) tra le stelle

E mentre noi continuiamo (giustamente) ad occuparci delle cose nostre, del DEF e – ancora più prosaicamente – di come arrivare a fine mese, insomma abbiamo una vista tutto sommato contenuta di quel che accade intorno a noi, c’è una sonda – la Voyager 2 – che proprio adesso si sta avvicinando allo spazio interstellare. In altre parole, c’è una sonda (la seconda, dopo Voyager 1), che sta proprio adesso mettendo il naso fuori da casa (intendendo in senso abbastanza allargato, la nozione di casa), per vedere, anche lei, cosa c’è fuori.

Che dunque può osservare le cose da una prospettiva più ampia della nostra. Sì, decisamente più ampia. Il suo viaggio, del resto, è nello spazio siderale, mentre le nostre vie son forse differenti. Ma si interlacciano, si parlano, sempre e sempre di più. E’ l’avventura umana, in fondo.

Lanciata nel lontano 1977 (epoca in cui, ricordiamolo, non c’erano i telefonini, non c’era Facebook e soprattutto non esisteva Internet, e i computer più intriganti erano… insomma, quel che erano) la sonda è impegnata da allora in un viaggio cosmico straordinario. Adesso si trova a quasi diciotto miliardi di chilometri da Terra, quasi centoventi volte la distanza tra la Terra e il Sole.  

La sonda Voyager (Crediti: NASA)

Sia la Voyager 1 che la Voyager 2, la cui missione primaria si è conclusa ormai diversi decenni fa, sono continuamente in contatto con la Terra, e ci stanno ancora inviando dati scientifici. Sebbene molti degli strumenti originali siano stati spenti, attraverso un oculato programma di gestione risorse siamo arrivati a quest’epoca, mantenendo il contatto con questi due manufatti umani straordinari, i più lontani in assoluto dal nostro pianeta.

I quali, appunto, continuano indefessi a lavorare.

In questo contesto, è accaduto che, a fine agosto di quest’anno, lo strumento chiamato Cosmic Ray Subsystem ha riportato un incremento di circa il cinque per cento nel tasso dei raggi cosmici che colpiscono la sonda, rispetto ad una misura effettuata all’inizio dello stesso mese. Parimenti, lo strumento Low-Energy Charged Particle ha riscontrato un aumento della stessa entità, nei raggi cosmici di energia più alta. 

A proposito, i raggi cosmici sono particelle in movimento molto veloce, che si originano fuori dal Sistema Solare. La faccenda è questa: siccome una  buona frazione viene bloccata dalla eliosfera, la zona di influenza del Sole, i progettisti della missione si aspettano esattamente di rilevare questo aumento di raggi cosmici quando la sonda raggiunge e poi supera proprio i confini dell’eliosfera stessa. Dunque, aumento dei raggi cosmici, vuol dire in qualche modo, che ci si sta avvicinando al confine. Uscendo dalla zona dominata dal Sole si arriva al vero spazio interstellare.

Alla Voyager 1 è già successo, lo abbiamo detto. E’ successo ben sei anni fa. Ed è interessante che stia per accadere adesso, per la Voyager 2. E’ interessante perché c’è questo fatto, che l’eliosfera non è stabile ma si muove avanti ed indietro in dipendenza dell’attività solare. Sarà importantissimo, per gli scienziati, capire quando la Voyager 2 traverserà effettivamente l’eliosfera (perché non ci siamo ancora, anche se siamo vicini, questo ci dice una attenta lettura dei dati).

Saranno mesi interessanti dunque quelli che ci stanno davanti, perché dalla registrazione puntuale dei raggi cosmici capiremo finalmente quando la Voyager 2 sarà finalmente fuori dal Sistema Solare.

Pronta anche lei per una nuova avventura. Imprevedibile, imprevista. Tutta da vivere, insieme. 

Lo splendore di Coma

L’ammasso di galassie è veramente notevole, e si trova a circa 350 anni luce da noi, nella costellazione di Coma berenice, dal quale in effetti prende il nome. L’ammasso della Chioma è una gigantesca struttura cosmica che comprende migliaia di galassie, tenute insieme dalla mutua attrazione gravitazionale. La maggior parte di queste galassie sono di tipo ellittico, come NGC 4860, che occupa proprio il centro di questa bellissima immagine (un’altro regalo del Telescopio Spaziale Hubble), impreziosendola con il suo alone luminoso così ampio.

Crediti:  ESA/Hubble & NASA

Ma una galassia altrettanto interessante, se non di più, è quella che appare nella parte sinistra dell’immagine, denominata NGC 4858. Nello zoo delle galassie si ritaglia davvero un posto tutto per sé: sembra una semplice galassia spirale ma non lo è affatto, a guardarla in dettaglio. Piuttosto, dovremmo forse definirla un aggregato galattico, visto che ci appare come una struttura centrale impreziosita da una serie di sbuffi luminosi che sembrano partire dalla zona centrale e innervarsi per lo spazio circostante, donandole questa sua peculiare conformazione.

E’ una galassia speciale anche per quello che sta succedendo al suo interno. Sappiamo infatti che NGC 4858 sta vivendo una fase impressionante di formazione stellare. Di fatto, la galassia sta bruciando il suo gas residuo convertendolo in stelle, ad un ritmo talmente forsennato che si prevede lo consumerà tutto ben prima della fine della sua esistenza.

In questo Universo, che per tanti versi potrebbe dunque apparire antico (dopotutto è online da quasi quattordici miliardi di anni, a quanto ci risulta), riscontriamo giorno per giorno come gli eventi di nascita non siano affatto rari, anzi accadano frequentemente in moltissimi luoghi intorno a noi: in particolare, segnano ancora in modo profondo l’esistenza e la morfologia di moltissime galassie. Evidentemente le stelle possono ancora dirci qualcosa, in molti sensi: a noi la furbizia di guardare il cielo, con la disponibilità del cuore ad essere educati.

Del resto, ogni stella che si accende in cielo è una nuova storia, che merita di essere raccontata.

Solo un filamento?

Così cantavano i Pink Floyd, in una celebre canzone di un album che è rimasto tra le acquisizioni musicali del secolo appena trascorso: everything under the Sun is in tune / but the Sun is eclipsed by the moon. La canzone, probabilmente lo saprete, è la bellissima, fulminante Eclipse e l’album, rimasto in classifica per tempi quasi stellari, è The dark side of the moon.

Tutto sarebbe dunque “in tune”, ovvero “in sintonia”, sotto il Sole. Così un sole tranquillo, costante, rassicurante, è quello che normalmente ci figuriamo. Del resto così ci appare, dalla nostra posizione del cosmo. Non possiamo scorgere granché delle sue turbolenze (ed è assolutamente da evitare di fissarlo senza adeguate protezioni, per non danneggiare l’occhio).

Ma niente è come appare. 

Per convincervi potete guardare questa immagine del Sole.

Crediti: NASA‘s GSFCSDO AIA Team

Niente di (troppo) particolare, per il nostro Sole. E’ appena un filamento, emesso dalla superficie della stella, durante una emissione coronale di massa avvenuta nel 2012. In quella occasione, una gran quantità di particelle cariche (elettroni e ioni) furono spedite verso Terra, impattando la magnetosfera del pianeta circa tre giorni più tardi, e generando una serie di aurore spettacolari. 

Queste emissioni di massa da parte dello strato più esterno del Sole, la corona appunto, sono fenomeni giganteschi, che coinvolgono masse di gas dell’ordine dei diecimila miliardi di chilogrammi, con velocità che possono raggiungere anche i 2000 chilometri al secondo (oltre i sette milioni di chilometri all’ora, tanto per capirci). 

Non è del tutto chiaro il dettaglio di quello che avviene, ma sappiamo che gli enormi campi magnetici alla superficie del Sole, in rapido cambiamento, hanno sicuramente una bella responsabilità in avvenimenti esagerati come questi. Eventi che arrivano sovente a disturbare lo stesso sistema di telecomunicazioni di Terra.

Sono però tempi estremi anche per la nostra stella, ed è probabile che molte incertezze che abbiamo nel crearci un modello affidabile di quel che avviene sulla superficie del Sole (assai più complesso di quello che avviene all’interno), trovino il modo di essere dipanate e forse dissipate, dai nuovi strumenti con i quali ci stiamo accingendo a guardare questa stella così importante per noi, ovvero Parker Solar Probe (appena lanciata) e Solar Orbiter, in partenza ormai imminente.

Lo scopo è riempire di parole nuove il racconto del nostro Sole (come quello dell’universo), parole nuove che possano farci davvero comprendere – ed anche stupire. 

Notte dei ricercatori 2018

Siamo ormai alle soglie della Notte Europea dei Ricercatori 2018, la manifestazione promossa dalla Commissione Europea, coordinata in Italia, tra varie organizzazioni, da Frascati Scienza.  Tale associazione infatti si è aggiudicata anche questa volta il bando della Commissione Europea Horizon 2020 nell’ambito delle azioni Marie SkłodowskaCurie.

E siamo quest’anno alla tredicesima edizione di questa interessante iniziativa. Avevamo già sottolineato come questa sia una occasione preziosa per riconciliarci con la pratica scientifica, scoprire l’umanità di chi fa ricerca e comprendere che le domande dello scienziato di professione sono esattamente le nostre, perché l’universo sollecita ogni uomo, potremmo dire, verso questa indagine, a tutto campo.

E proprio l’universalità di questa chiamata si riverbera assai bene nel titolo scelto per la manifestazione di quest’anno, quell’attraente Be a Citizen Scientist che davvero invita ognuno di noi a confrontarsi con l’impresa scientifica, la quale da tempo ha travalicato l’ambito del laboratorio specializzato (con tutta la sua carica esoterica che lo avvolge nell’immaginario collettivo) e – soprattutto grazie ad Internet – è arrivato a bussare alle porte delle nostre case, in cerca di chi abbia curiosità e passione per partecipare a questa impresa.

Ormai la scienza è di tutti, perché veramente tutti possono partecipare a qualche progetto e regalare un po’ di tempo per fare vera scienza, qualunque sia la propria preparazione: è il senso ancora tutto da esplorare del cittadino scienziato, una vera rivoluzione dei tempi moderni. Progetti come ZooUniverse, di cui ci siamo occupati diverse volte, sono appena la punta di diamante di un settore in progressiva, direi irreversibile espansione. 

La Notte dei Ricercatori, ed in realtà tutta la settimana che la comprende, è un’occasione ulteriore e ancor più diretta per entrare in contatto con la scienza dal vivo, declinata in una ampia rosa di possibilità di incontri. Il programma della manifestazione è appena stato pubblicato, vale la pena consultarlo perché nella sua ricchezza troveremo sicuramente il punto in cui la traiettoria scientifica incontra il nostro gusto personale, la nostra voglia di scoperta. 

E le occasioni non mancano, sicuramente! Sapevate ad esempio che la cucina è un eccellente lavoratorio scientifico? La scienza è in tavola si occupa proprio di questo (Frascati, 24 e 25 settembre). O se si vuole nutrire la propria passione storica, Le Mura Aureliane a Porta Latina: storia e restauri costituisce un ottimo science trips per cui dedicare il pomeriggio di lunedì 24 settembre. Oppure, perché no, potremmo trovarci impegnati in “Scacco al bullo”, una partita di scacchi viventi, a Villa Torlonia (Frascati), in quel di domenica 23 settembre!

Signori, qui si fa scienza! 😉 

Ma sono solo alcuni esempi, scelti per significare l’ampiezza del ventaglio delle offerte della settimana: il rimando al programma, come dicevamo, è obbligato, per assaporare il gusto di una scienza articolata in moltissimi modi e intrecciata a tante simpatiche iniziative.  

Perché la scienza è di tutti, è un bene comune davvero. E non conta tanto dirlo, ma (potremmo dire, in linea esatta con il metodo proprio della scienza), dimostrarlo. E questa è un’occasione preziosa, per impararlo. Preziosa, e divertente. 

La scienza infatti è anche gioco, gioco dell’uomo che impara dalla Natura, uno dei giochi più belli che ci siano. Venite dunque a giocare con noi?

Se la stella esplode…

Una stella che esplode non è cosa che può lasciare indifferenti. Non è cosa da poco, insomma. E’ un momento critico fondamentale anche per la stessa vita, perché è il modo in cui gli elementi di cui siamo fatti – costruiti dentro le stelle – vengono lanciati nello spazio, messi a disposizione per realizzare qualcosa, anche qualcosa di spettacolarmente grande, come un essere – o più esseri, abitanti ignoti di chissà quali pianeti – che rappresentano, per così dire, l’autocoscienza del cosmo, punti di singolarità capaci di registrare informazioni sull’Universo, di interrogarsi sulla sua nascita, sul suo destino. 

E’ un momento anche spettacolare, come documenta assai bene questa favolosa immagine acquisita dal Telescopio Spaziale Hubble, che riguarda la celebre Nebulosa del Granchio. 

La Nebulosa del Granchio vista da Hubble.
 Crediti: NASAESAHubble, J. Hester, A. Loll (ASU)

Per la cronaca (cosmica), è il risultato di uno scoppio di supernova avvenuto nell’anno 1054 dopo Cristo, debitamente registrato dagli astronomi cinesi (assai precisi, al proposito). Ed è, in un certo senso, ancora avvolto di mistero: seppure molto della dinamica dell’esplosione è ormai noto, diverse cose ancora non tornano. Per esempio, i filamenti: analizzandoli, sembra che vi sia meno massa di quanta originariamente espulsa dalla stella morente. E che si muovano ad una velocità superiore a quanto atteso per una esplosione “libera”, senza altri fattori propulsivi.

Questo mistero nulla toglie, anzi aggiunge fascino alla contemplazione di questa splendida immagine, che copre una zona di cielo di circa dieci anni luce di ampiezza. Al centro, rimane una stella di neutroni. Un posto in cui la materia si è compattata fino a livelli estremi di densità: una massa pari a quella del Sole, schiacciata e compressa nel diametro di una piccola cittadina, in pratica. Una materia che, in assenza di qualsiasi “motore” che contrasti la gravità (essendo la fusione nucleare ormai spenta) non ha potuto far altro che collassare su sé stessa, realizzando un oggetto così compatto che per anni e anni gli stessi astronomi non lo hanno creduto possibile. 

E’ questo il nostro cielo: una sfida continua alle nostre teorizzazioni, un rilancio inesausto ad allargare la mente, perché c’è altro, sempre molto altro. Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia, ci avvertiva già Shakespeare. E questo vale anche per quella parte della filosofia che è il pensiero scientifico, sempre in cerca di un nuovo modo di raccontare il mondo fisico, per aprirsi alle sue sfumature più sottili.

Forse, vale soprattutto per questo.