Binarie X negli ammassi globulari densi…

La sonda “Chandra X-ray Observatory” della NASA porta nuove conferme di come gli incontri ravvicinati tra stelle negli ammassi globulari pi? densi possano formare sistemi binari che emettono in banda X.

La peculiare abilit? di Chandra nel risolvere sorgenti in banda X all’interno di dodici ammassi globulari galattici ha fornito agli astronomi precise indicazioni sulle modalit? di formazione di tali sorgenti.



Le immagini di Chandra per due ammassi globulari galattici rivelano le sorgenti X presenti in essi.

(Credits: NGC 6266 – NASA/CXC/MIT/D.Pooley et al.; NGC 7099 – NASA/CXC/UIn/H.Cohn & P.Lugger et al.)

Dall’analisi dei dati si deduce come sorgenti binarie X si possano formare negli ammassi globulari pi? densi da incontri ravvicinati di stelle appartenenti all’ammasso . Tali sorgenti hanno modalit? di formazione diverse dalle loro controparti localizzate al di fuori degli ammassi, e possono influenzare notevolmente l’evoluzione dell’ammasso che le ospita.

Links utili:

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *