Prende peso, ma subito…

Nuove ricerche mostrano che la prima generazione di stelle avrebbe diffuso una quantità incredibile di “elementi pesanti” in una zona larga migliaia di anni luce, riempiendo dunque il cosmo con gli elementi fondamentali per sviluppare la vita.

L’universo appena formatosi era una vasta distesa di idrogeno, elio, ed un poco di litio, dunque non conteneva nessuno degli elementi necessari alla vita cosi’ come la conosciamo.

Da questi gas primordiali nacquero stelle giganti, anche 200 volte più grandi del Sole, che bruciarono il loro combustibile ad una velocità considerevole, poichè molte “vissero” solo qualche milione di anni prima di esplodere in supernovae. Tali esplosioni diffusero nello spazio elementi pesanti quali il carbonio, l’idrogeno ed il ferro.

Recenti simulazioni degli astrofisici Volker Bromm (Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics), Naoki Yoshida (National Astronomical Observatory of Japan) and Lars Hernquist (CfA) hanno mostrato che la prima generazione di stelle avrebbe diffuso una ingente quantità di elementi pesanti attraverso una regione vasta migliaia di anni luce


Nell’universo molto giovane, le piccole protogalassie si “addensavano” insieme in vaste strutture a forma di filamento. All’interno di tali strutture, le supernovae risultanti dalla prima generazione di stelle massive, esplodendo, diffondevano nello spazio gli elementi pesanti da esse prodotti…

I risultati di questa ricerca sono stati inviati alla rivista “Astrophysical Journal Letters”, e sono già disponibili in rete.

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.