13 miliardi di chilometri!

Il Voyager 1 ha viaggiato per oltre 13 miliardi di chilometri. Gli astrofisici discutono se abbia lasciato o no il nostro sistema solare…

Il pi? lontano oggetto mai lanciato dall’uomo -la capula spaziale Voyager 1 della NASA- potrebbe infatti essere giunta laddove nessun oggetto fatto dall’uomo ? stato prima.

Sembra che il 1? agosto 2002 abbia attraversato il confine fra il nostro sistema solare e gli spazi profondi. “E’ tato un momento storico”, afferma Stamatios Krimigis, della John Hopkins University di Laural, nel Mariland. “E’ la prima volta che lasciamo la calda atmosfera del Sole”, afferma. Altri ricercatori, invece, negano che il Voyager sia ancora giunto l?, ma concedono che ci sia comunque vicino.

Il viaggio del Voyager,i 26 anni e 13 miliardi di chilometri, ha raggiunto infatti la regione di spazio dove la teoria predice che ci sia il confine chiamato “shock da termine”. La frontiera del sistema solare ? un posto affascinante per i fisici. In questa regoine le particelle e i raggi energetici emessi dal Sole -il vento solare- si scontrano frontalmente con la materia proveniente dagli spazi profondi. Simili shock capitano anche in altri sistemi solari e vicino alle stelle che esplodono chiamate Supernovae.
“Ci sono analogie per l’universo”, spiega il fisico solare Len Fisk, dell’Universit? del Michigan ad Ann Harbor, e conclude che “Lo shock ai confini del nostro sistema solare potrebbe insegnarci qualcosa circa altri shock analoghi in altre parti del cosmo”.

Ma la vera eccitazione si avr? quando il Voyager avr? definitivamente attraversato lo shock terminale. Con buone speranze, verso il 2020, quando le sue batterie elettriche saranno vicine all’esaurimento, la navicella attraverser? infatti l’ultima barriera del sistema solare. Dove il vuoto degli spazi profondi ? forzato dal Sole. “Allora veramente troveremo l’ambiente nel quale ? situato il nostro sistema solare”, dice Fisk.


http://www.nature.com/physics/physics.taf?file=physic/hilights/6963-3.htlm

N.B. per l’accesso al sito e’ necessaria la registrazione…

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.