Ormai Marte e’ proprio “dietro l’angolo”…!

Dopo un viaggio di circa 400 milioni di chilometri, la sonda ESA Mars Express sta finalmente raggiungendo la sua destinazione finale. Il 19 dicembre, infatti, la sonda dovrebbe “rilasciare” il lander Beagle 2, che sta trasportando dalla data del suo lancio, il 2 giugno di quest’anno.

In tale data, dal centro di controllo ESA, localizzato Darmstadt (Germania)
partir? il comando per far s? che la sonda si separi dal Beagle 2. I dati sulla posizione e la velocit? della sonda saranno utilizzati dagli ingegneri della missione per cercare di capire se l’operazione di distacco del lander sia avvenuta con successo. In pi?, la camera Visual Monitoring Camera (VMC) a bordo della sonda, dovrebbe fornire una immagine che mostra il lander mentre pian piano si allontana (ci si attende che le immagini siano disponibili nel pomeriggio del giorno del giorno stesso dell’arrivo della Mars Express).

A questo punto, si prevede che il Beagle 2 continui il suo viaggio verso la superficie di Marte, dove dovrebbe atterrare nella prima mattinata del 25 dicembre. Negli stessi istanti, la Mars Express dovrebbe essere sul punto di completare le manovre per entrare nell’orbita intorno a Marte.

Va detto che a motivo della complessit? di tutta l’operazione, il team che controlla la missione ? preparato anche alla possibilit? che il distacco del lander possa non avvenire al primo tentativo. Se questo dovesse essere il caso, si avvieranno una serie di procedure, gi? predisposte e sperimentate, per far s? che la manovra venga completata con successo entro le 40 ore successive.

Interessante il fatto che il distacco del lander potr? essere seguito “dal vivo”: una videoconferenza metter? in connesione il centro di controllo di Darmstadt con il centro ESA a Parigi, ed anche con il centro ESA/ESRIN a Frascati, vicino Roma (ed anche… vicinissimo al posto dal quale vi sto scrivendo!). Le fasi salienti dell’evento, saranno messe a disposizione degli utenti Internet, all’indirizzo

http://mars.esa.int
.

Fonte della notizia:
press release dell’ESA.

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *