Tutti i colori dell’Universo…

Un team internazioneal di astronomi avrebbe determinato il colore  dell'Universo quando era molto pi? giovane di adesso. Potremmo dire, che mentre allo stato attuale l'universo ? in qualche modo sul beige, era decisamente pi? blu in epoche passate, all'epoca in cui aveva solamente 2,5 miliardi di anni…

Sarebbero questi i (bizzarri!) risultati di una estesa ed accurata analisi di un campione di pi? di 300 galassie  comprese in una piccola zona del cielo del sud, il cosiddetto Hubble Deep Field Sud.

L'obiettivo principale dell'indagine era quello di comprendere come il contenuto di stelle dell'Universo si e' formato e poi evoluto durante il tempo. Ed ecco la spiegazione dei “colori predominanti” dell'Universo, dalle parole di  Marijn Franx, dello staff del Leiden Observatory (Olanda): “Il colore blu dell'universo primordiale ? motivato dalla luce di colore predominante blu che proviene dalle stelle giovani nelle galassie. Il colore pi? rosso dell'Universo oggi si spisga con il numero relativamente pi? grande di stelle vecche, di colore rosso.”



Il principale investigatore del team, Gregory Rudnick , del Max-Plank Insitut f?r Astrophysics (Garching, Germania), aggiunge: “Poich? la quantit? complessiva di luce nell'Universo nel passato era circa la stessa di oggi, e una stelle blu giovane emette molta pi? luce di una stella rossa, vecchia, questo implica che ci devon esser state assai meno stelle nell'Universo giovane di quante ce ne sono ora. Le nostre ricerche mostrano come la gran parte delle stelle nell'Universo si ? fornata in epoca relativamente 'tarda', nel momento in cui l'Universo aveva circa sette miliardi di anni.”

Questi nuovi risultati sono vasti su dati raccolti nel corso di pi? di cento ore di osservazioni con lo strumento ISAAC al telescopio VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, nell'ambito di un progetto pi? ampio di ricerca , il Faint InfraRed Extragalactic Survey (FIRES). Le distanze dalle galassie sono state determinate dalla valutazione della loro brillanza in varie bande ottiche e nel vicino infrarosso.


Tradotto e adattato da:
http://www.eso.org/outreach/press-rel/pr-2003/pr-34-03.html

Related Posts with Thumbnails
Print Friendly, PDF & Email

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me