Pianeta scoperto con la tecnica del “microlensing”.

Proprio come Sherlock Holmes usava una comune lente per svelare gli indizi nascosti, gli astronomi dei tempi moderni si sono serviti di effetti di “lenti cosmiche naturali” per rivelare i segni di un pianeta che orbita intorno ad una stella lontana… 

La notizia ? importante perch? segna la prima scoperta di un pianeta che orbita intorno ad una stella al di l? del Sistema Solare, effettuata con l'impiego della tecnica del microlensing.

Per la precisione, una stella o un pianeta pu? agire come una “lente cosmica” per far risaltare la luce di un oggetto pi? distante, posto dietro quello che fa da lente, lungo la linea di vista. Niente di strano in questo: il campo gravitazionale della stella pi? vicina convoglia e focalizza i raggi luminosi provenienti dalla stella pi? lontana, proprio come una lente di vetro in un telescopio focalizza e concentra i raggi luminosi provenienti dalle stelle. Albert Einstein predisse questo effetto nella sua teoria della relativit? generale, previsione che venne confermata anche nell'ambito del nostro Sistema Solare.

Il sistema stella-pianeta appena scoperto con questa tecnica si trova a circa 17.000 anni luce da noi, nella costellazione del Sagittario. Il pianeta, orbitando intorno ad una stella gigante rossa, sembra essere pi? grande di GIove di circa una volta e mezzo. Pianeta e stella sono distanti circa tre volte la distanza che vi ? tra la Terra ed il Sole. Il sistema nel suo complesso, risulta agire da lente gravitazionale per la luce di una stella posta dietro di esso, alla distanza di circa 24.000 anni lice, verso il centro della Via Lattea…




Tradotto & adattato da:
http://www.jpl.nasa.gov/releases/2004/103.cfm

Related Posts with Thumbnails

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.it