Una fionda gravitazionale

Una stella massiva che sfreccia attraverso lo spazio alla velocit? di quasi 40 chilometri al secondo sarebbe stata scagliata via dal suo luogo di origine, il centro della nebulosa di Orione.

Lo sostiene un articolo di prossima pubblicazione sul numero del 20 maggio 2004 della rivista “The Astrophysical Journal Letters“. Se questa interpretazione fosse corretta, suggerirebbe che negli ammassi stellari questo tipo di violente fionde gravitazionali si verifica pi? spesso di quanto molti astronomi pensassero.
La stella ? nota come oggetto di Becklin-Neugebauer (BN), dai due astronomi che l'hanno scoperta nel 1967. ? avvolta nella nebulosa di Orione, una grande regione di formazione stellare che dista 1500 anni luce dal Sole. Nel 1995, osservazioni radio rivelarono l'elevata velocit? della stella. Ora Jonathan Tan dell'osservatorio dell'Universit? di Princeton sostiene di aver scoperto la causa di questa incredibile velocit?: la stella sarebbe stata espulsa dal cluster del Trapezio, un gruppo di giovani stelle, circa 4000 anni fa.
Seguendo il suo moto indietro nel tempo, Tan ha calcolato che BN ? stata fiondata via dall'ammasso del Trapezio come risultato di un incontro ravvicinato con la stella massiva Theta-1 Orionis C. Da allora, BN avrebbe lasciato una scia attraverso lo spazio: passando vicino a una protostella, quasi 500 anni fa, avrebbe innescato un'eruzione gassosa visibile ancora oggi. Secondo Tan, inoltre, le onde d'urto prodotte dalla stella mentre fende il gas interstellare sarebbero visibili nelle immagini dell'osservatorio Chandra della NASA.

dal sito: www.lescienze.it

Related Posts with Thumbnails

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.it