La missione Swift coglie un lampo gamma, forse la nascita di un buco nero…

La missione Swift (NASA) ha rilevato il suo primo “lampo gamma”, probabilmente originato dalla nascita di un buco nero…

Il lampo e’ avvenuto il 17 gennaio. La sonda Swift e’ riuscita a osservare l’evento puntando la regione del lampo in meno di 200 secondi. Il satellite e’ stato abbastanza veloce, in questo modo, da catturare l’immagine dell’evento con il suo X-Ray Telescope (XRT), mentre i lampi gamma erano ancora rilevabili con il Burst Alert Telescope (BAT). E’ la prima volta che uno strumento in banda X riesce a rilevare il lampo prima che scompaia (di solito si riescono a rilevare gli “afterglow”, una sorta di impronte, in altre bande, di tali lampi, ma non i lampi stessi).

Gli scienziati impiegheranno diverse settimane per conprendere appieno l’origine di questo lampo, chiamato
GRB050117, dalla data della rilevazione. Telescopi in orbita e sulla terra si stanno disponendo secondo le coordinate fornite da Swift per osservare l’afterglow del lampo e la regione circostante…

L’origine dei lampi gamma non e’ ancora pienamente compresa. Alcuni sembrano originarsi da esplosioni di stelle massive, mentre altri potrebbero essere il risultato di eventi di fusione di buchi neri o di stelle di neutroni (scenari che porterebbero comunque alla formazione di un nuovo buco nero)…


http://www.nasa.gov/home/hqnews/2005/jan/HQ_05019_swift_blackhole.html

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.