Gemini e la “citt? scomparsa” delle stelle…

Alla stregua di archeologi che si imbattono in una “citt? scomparsa” durante una campagna di scavi, un team di astronomi che utilizzano il telescopio da 8 metri Gemini South hanno scoperto che la galassia NGC300 possiede un disco molto esteso, costituito da stelle vecchie: tale disco porta a riconsiderare il diametro della galassia, allargandolo di un fattore due o anche pi?…

La scoperta implica anche – cosa davvero interessante – che la nostra stessa Via Lattea potrebbe rivelarsi molto pi? grande di quanto abbiamo appreso sui libri di testo! Gli scienziati ora devono cercare di capire il “mistero” di come facciano galassie come NGC300 a formare stelle cos? lontano dal loro centro.

La ricerca, effettueta da un team di astronomi australiani ed americani, ? appena stata pubblicata nel

numero del 10 agosto della rivista “Astrophysical Journal”.

Anche per lo studio della formazione ed evoluzione delle galassie, dunque, le indagini rimangono pi? che mai aperte…


Press release del Gemini Observatory

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *