La superficie “butterata” di Enceladus…

La superficie di Enceladus, nella regione del polo sud, ripresa dalla sonda Cassini, mostra un ambiente geologicamente attivo…

…Per la precisione, dall'immagine si vede bene una differenza tra una regione di terreno “fresco”, più recente, e una zona assai più “butterata” di piccoli crateri, segno di una formazione molto più antica.

Image Hosted by ImageShack.us


Credit: NASA/JPL/Space Science Institute

Questa ultima regione di Encealdus, larga poco più di 500 chilometri, è conosciuta come geologicamente attiva. L'immagine è stata acquisita dalla sonda Cassini circa un mese fda, quando la sonda si trovava ad una distanza di circa 66.000 chilometri dalla luna di Saturno


NASA/JPL Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.