Il buco nero supermassivo nell’ammasso MS0735.6+7421

L’ammasso di galassie è posto a circa 2.6 miliardi di anni luce da noi, nella costellazione del Camelopardo. Dati raccolti da diversi telescopi, a cui si è appena aggiunto Hubble, ci offrono una visione in tre bande diverse di questo interessante oggetto, che ospita al suo interno un buco nero… dal grande appetito!

Le tre viste diverse della regione sono state acquisite con Hubble nel febbraio di quest’anno, con Chandra nel novembre del 2003, e con il NRAO Very Large Array nell’ottobre del 2004. L’immagine di Hubble ci mostra dozzine di galassie, tenute insieme dalla mutua interazione gravitazionale.


Hubble and Chandra Image Credit: NASA, ESA, CXC, STScI, and B. McNamara (University of Waterloo)

Very Large Array Telescope Image Credit: NRAO, and L. Birzan and team (Ohio University)

Nel gennaio del 2005, gli astronomi hanno scoperto un buco nero supermassivo nella parte centrale, che sarebbe cause dei fenomeni energetici tra i più potenti mai osservati finora nell’intero universo. L’immagine VLA effettuata in banda radio, mostra getti di particelle di alta energia (in rosso), che provengono dalla zona ove si trova il buco nero. Tali getti spingono il gas caldo circostante, che emette raggi in banda X, fino a creare due cavità gigantesche nel gas stesso. Combinate, le immagini X e radio mostrano l’enorme appetito del grande buco nero, ed il profondo impatto che ha la sua presenza nella parte di universo intorno ad esso…



http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2006/51/

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.