Quando il centro galattico gioca a nascondino…

La sonda Integral dell’European Space Observatory (ESA), che scruta il cielo nella banda dei raggi gamma, ha acquisito un’immagine del centro galattico in uno dei suoi rari momenti di quiete…

Quando Integral ha “buttato lo sguardo” nel turbolento centro galattico, con una certa sorpresa, lo ha trovato in un momento di quiete. Questo vuol dire che un buon numero di sorgenti tra le più energetiche nella Galassia, che circondano il buco nero centrale, erano tutte in uno stato temporaneo di “silenzio”, quando sono state osservate dalla sonda…

Tale evento “inusuale” ha permesso agli astronomi di poter cercare – nel relativo silenzio delle sorgenti più “esuberanti” – eventuali altre oggetti più deboli, come pure ha reso possibile ottenere una serie di informazioni sulla natura della materia che cade dentro l’area di attrazione del buco nero, ed infine viene assorbita da esso…

Sappiamo da tempo che il centro galattico è unoa dei posti più dinamici della nostra Galassia, sede di un gigantesco buco nero, chiamato Sagittarius A*; in effetti, fin dai suoi inizi, la missione Integral si è dimostrata importante perchè ha permesso agli astronomi di tenere un occhio puntato su tale regione e del suo ambiente in perenne mutazione…


ESA Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *