L’ambiente tumultuoso della Carina Nebula…

Uno dei panorami più estesi mai acquisito dagli strumenti a bordo del Telescopio Spaziale Hubble, è stato appena reso pubblico, per celebrare il diciassettesimo anniversario del lancio e della messa in opera dell’osservatorio spaziale. L’immagine mostra una regione ampia ben 50 anni luce, la tumultuosa regione centrale della Carina Nebula, dove una gran quantità di stelle massive nascono e muoiono a ritmi incredibili…

La nuova visione che ci restituisce Hubble mostra i processi di nascita di nuove stelle nella Carina Nebula ad un livello di dettaglio senza precedenti. La bizzarra struttura della nebulosa è modellata dall’azione dei venti e della radiazione ultravioletta emessa dalle stelle “giganti” che abitano in questo spazio tormentato e… scoppiettante.

La immensa nebuloa contiene almeno una dozzina di stelle molto brillanti, la cui massa è stata stimata essere almeno 50 o 100 volte quella del nostro Sole (e la cui vita è di appena pochi milioni di anni, se ricordiamo il fatto che le stelle piccole vivono più a lungo perchè consumano con più “calma” il loro carburante)



Il centro della Carina Nebula, visto da HST

Credit: NASA, ESA, N. Smith (University of California, Berkeley), and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA)

I “fuochi d’artificio” nella nebulosa sono iniziati circa tre milioni di anni fa, quando la prima generazione di stelle si è formata dalla condensazione del gas nella zona, e si è “accesa” proprio nel mezzo di una immensa nube di freddo idrogeno molecolare. Da allora, la radiazione ed il gas caldo emesso dalle stelle al termine della loro evoluzione, hanno progressivamente modellato l’ambiente facendo sì che assumesse questi contorni così irregolari (e suggestivi!).



Press Release su Spacetelescope.org

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *