Scoperto un pianeta simile alla Terra, nella “zona abitabile”!

Quello che gli astronomi hanno appena scoperto è il pianeta più simile alla Terra mai individuato al di fuori del Sistema Solare, un esopianeta (o pianeta extrasolare) il cui raggio è solamente il 50% più grande di quello terrestre, e capace di poter ospitare acqua allo stato liquido…!

Utilizzando il telescopio da 3.6 metri dell’ESO, un team di scienziati Svizzeri, Francesi e Portoghesi ha scoperto una “super-Terra”, la cui massa è circa cinque volte quella del nostro pianeta, che orbita intorno ad una stella “nana rossa”, già nota per l’evidenza della presenza di un pianeta con massa circa otto volte quella terrestre.

Questo esopianeta – ovvero pianeta orbitante attorno ad una stella che non è il nostro Sole – è il più piccolo mai individuato, e completa una intera orbita in circa 13 giorni. E’ 14 volte più vicino alla sua stella della distanza Terra-Sole. In ogni caso, poichè la sua stella “madre” è una nana rossa, Gliese 581, più piccola e più fredda del Sole, il pianeta si trova comunque nella cosiddetta “zona abitabile”, ovvero nella regione dove le temperature permettono la presenza di acqua allo stato liquido! Il nome del pianeta è Gliese 581 c.


Una elaborazione artistica del sistema planetario con la “super-Terra”

Credits: ESO website

“Abbiamo stimato che la temperatura media di questa super-Terra sia tra gli zero ed i quaranta gradi Celsius, e dunque l’acqua dovrebbe essere allo stato liquido”, spiega Stéphane Udry, primo autore dell’articolo che riporta la scoperta. “Inoltre, il suo raggio dovrebbe essere solo una volta e mezzo quello della Terra, e i modelli predicono che il pianeta dovrebbe essere roccioso – come la nostra Terra – od anche interamente coperto da oceani”, aggiunge.



ESO Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

2 pensieri su “Scoperto un pianeta simile alla Terra, nella “zona abitabile”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.