Le stelle in “fusione” potrebbero formare la nuova classe delle “nove rosse luminose”

Gli astronomi conoscono da tempo diversi tipi di “esplosioni” nello spazio. Gli eventi di
supernova si generano quando stelle di grande massa terminano in maniera esplosiva la loro
evoluzione, per diventare buchi neri, ad esempio. Potrebbe essersi trovata ora una nuova classe
di esplosioni: una “nova rossa” luminosa…

L’evento esplosivo è stato scoperto in una galassia vicina nell’ammasso della Vergine, chiamata Messier 85. Gli astronomi hanno osservato una stella diventare molto più brillante: non brillante come una supernova, comunque, seppure più brillante di una classica “nova”. Invece di un flash molto rapido, l’aumento
della luminosità è più graduale, con un caratteristico colore rosso.

Gli astronomi nell’articolo originale che riporta la scoperta,ipotizzano che questo tipo di esplosioni si verifichino quando due stelle normali
in un sistema binario finiscono per interagire strettamente l’una con l’altra, formando quello che
viene chiamato un “inviluppo comune”.




La galassia M85

Credits: NOAO/AURA/NSF

Il residuo rimasto dopo l’evento esplosivo risulta troppo debole per essere visto perfino da Hubble,
ma ancora abbastanza brillante, in banda infrarossa, per essere rilevato con il telescopio spaziale
Spitzer. Sembra esserci poco dubbio sul fatto che si sia trovata una nuova classe di oggetti, ed ora
gli astronomi tenteranno di raffinare i loro metodi di ricerca, per trovare altri oggetti dello stesso
tipo…



Caltech Press Release

Related Posts with Thumbnails
Print Friendly, PDF & Email

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me