Chandra investiga i Nuclei Galattici Attivi nelle galassie lontane

I dati della sonda Chandra mostrano, per la prima volta, che le galassie più distanti
contengono più AGN di quelle più vecchie e vicine…

I due ammassi di galassie nella figura, conosciuti con le sigle CL 0542-4100 e CL 0848.6+4453, sono parte di un campione sfruttato per
valutare la frazione di galassie contenenti al loro interno buchi neri in rapido accrescimento, conosciuti anche con il nome di

nuclei galattici
attici
(o AGN, dalla terminologia inglese). Nell’immagine Chandra di questi due ammassi, il rosso corrisponde a raggi X di bassa energia,
il verde di energia intermedia, il blu indica i raggi X più energetivi. In ognuno dei due campi, sono stati individuati ben cinque AGN (anche
se uno di questi pare non sia membro dell’ammasso). Gran parte degli AGN sono sorgenti blu, come atteso, poichè è noto che tali oggetti
sono capaci di produrre raggi X molto energetici.




Gli ammassi di galassie CL 0542-4100 e CL 0848.6+4453

Credits: NASA/CXC/Ohio State Univ./J.Eastman et al.

La cosa interessante è che i dati mostrano, per la prima volta, che gli ammassi più distanti contengono assai più AGN rispetto a quelli più
vicini a noi (e più antichi). Difatti, i quattro ammassi di galassie nel campione “lontano”, inclusi i due mostrati in figura, sono istantanee
di quando l’Universo aveva poco più dell’ottanta per cento dell’età attuale: è stato valutato che gli ammassi più lontani contengono
circa 20 volte più AGN rispetto a quelli meno distanti.
.

La ragione di questa differenza è radicata nella storia dell’Universo stesso: diversi miliardi di anni fa, le galassie contenevano
assai più gas e polveri per la formazione stellare, e i buchi neri potevano “crescere” in maniera decisamente più rilevante di quanto
accadeva in epoche più recenti, essenzialmente a motivo della grande quantità di “combustibile” presente. La cosa è pienamente in accordo
con il quadro teorico di evoluzione dell’Universo, come lo conosciamo ora, ed è comunque una rilevante conferma “sperimentale” delle previsioni
della teoria.



Chandra Press Release

Related Posts with Thumbnails
Print Friendly, PDF & Email

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me