Nuovo logo (e nome) per la missione Esperia…

L’Agenzia Spaziale Italiana e l’ESA hanno appena annunciato di aver scelto il nome per la missione di Paolo Nespoli sul volo dello Shuttle STS-120, che verrà lanciato in ottobre. E il logo è stato creato da Giugiaro…

Il nome deriva dal termine usato dagli antichi greci per indicare la penisola italiana. Il nome scelto vuole sottolineare che la missione di Paolo Nespoli sarà una grande dimostrazione di tecnologia italiana, con la consegna del Nodo 2 della Stazione Spaziale Internazionale, costruito in Italia; e come questa opportunità derivi dalla visione dell’ASI e dell’industria italiana, capaci di sviluppare e fornire alla NASA tre containers pressurizzati (i cosiddetti Multi Purpose Logistic Modules – MPLM) nell’ambito di un accordo bilaterale.

Come risultato dell’accordo, l’ASI ha ottenuto sei possibilità di volo sullo Shuttle. La stretta cooperazione tra ESA e ASI ha fatto sì che questa flight opportunity in particolare fosse affidata a Paolo Nespoli, un astronauta dello European Astronaut Corps. La prima di queste possibilità era stata affidata invece a Umberto Guidoni, che trascorse 10 giorni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nell’aprile del 2000.

L’accordo tra ESA e ASI per la gestione congiunta di questa importante missione è stato firmato il 19 giugno 2007, in occasione del Salone Aerospaziale di Parigi a Le Bourget, dal presidente dell’ASI, il prof. Giovanni F. Bignami, e dal direttore dei programmi di Volo umano nello spazio, Microgravità ed Esplorazione, Daniel Sacotte.

In base a questo accordo l’ASI ha affidato la creazione del logo della missione al famoso designer Giorgetto Giugiaro e alla sua società Italdesign-Giugiaro S.p.A., per mezzo di un accordo di sponsorizzazione. Il logo vuole comunicare che la missione Esperia è tanto un passaggio chiave nel completamento della Stazione Spaziale, quanto un importante passo avanti nell’esplorazione dello spazio, in cui l’Italia e l’ASI stanno giocando un ruolo chiave in Europa e sulla scena internazionale.

“L’Italia è uno dei maggiori attori europei nel campo delle attività spaziali” ha dichiarato Simonetta di Pippo, Responsabile dell’Unità Osservazione dell’Universo dell’ASI. “Come suggerisce il suo nome, la missione Esperia è un esempio dell’impegno italiano a lungo termine per l’esplorazione spaziale, e della nostra visione e ambizione per il futuro. È anche un ulteriore esempio della capacità dell’industria italiana, su cui contiamo per confermare i nostri investimenti nei programmi spaziali Europei”.

La missione Esperia sarà il primo volo di Nespoli sullo Shuttle, e lo vedrà far parte di un equipaggio di sette persone. L’astronauta italiano avrà un ruolo fondamentale nell’installazione del Nodo 2 (costruito da Thales Alenia Space), e coordinerà le attività dall’interno dello Shuttle mentre i suoi compagni compiranno quattro “passeggiate spaziali” all’esterno. Dovrà inoltre condurre un programma congiunto ESA/ASI di esperimenti nel campo della fisiologia umana e della biologia, e collaborare alla gestione e manutenzione dei sistemi di controllo a bordo dell’orbiter.


Il logo di Esperia

“Il Nodo 2, primo nodo di costruzione europea a essere lanciato, è di cruciale importanza per il futuro della Stazione Spaziale” ha spiegato Daniel Sacotte. “Servirà come via di passaggio per il laboratorio Columbus dell’ESA, per il laboratorio statunitense Destiny e per quello giapponese Kibo, e come punto di aggancio per il Hll Transfer Vehicle giapponese. In più trasporterà un adattatore per l’attracco dello Space Shuttle e servirà come punto di aggancio per i MPLM. Scienziati e progettisti in tutto il mondo attendono con impazienza l’installazione del modulo”.

Una delle particolarità della missione Esperia è il coinvolgimento del Ministero per la Solidarietà Sociale. Per richiamare l’attenzione sul tema dell’eguaglianza di diritti e opportunità tra tutti i cittadini europei, durante il suo volo Paolo Nespoli porterà in orbita diverse patch del Ministero della Solidarietà Sociale.

(Press Release di ASI)



Disponibile anche la Press Release ESA

Related Posts with Thumbnails
Print Friendly, PDF & Email

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me