Un polo sud… caldo? Certo che sì, ma su Nettuno!

Un team internazionale di astronomi, usando il Very Large Telescope dell’ESO, ha scoperto che il polo
sud di Nettuno è ben più caldo del resto del pianeta.

La cosa appare consistente con il fatto che si sia in estate inoltrata nell’emisfero sud (di Nettuno),
e che questa regione sia esposta alla luce del sole da circa quarant’anni!
Gli scienziati sono in procinto di pubblicare la prima mappa delle temperature della porzione
più bassa dell’atmosfera di Saturno, la quale mostra come in realtà il polo sud del pianeta permette
al metano di sfuggire dagli strati profondi dell’atmosfera. “Le temperature sono così elevate che il gas
metano, che dovrebbe essere allo stato ghiacciato nella parte superiore dell’atmosfera di Nettuno
(la stratosfera), può fuoriuscire da questa regione”
, dice Glenn Orton, primo autore dell’articolo
che riporta la scoperta. “Questo risolve un problema di lunga data concernente l’identificazione della
alta abbondanza di metano nella stratosfera di Nettuno”.




Le mappe “termiche” del pianeta Nettuno, mostrano un polo sud indubbiamente “caldo” (in bianco,
nelle immagini

Credits: VLT/ESO/NASA/JPL/Paris Observatory

La temperatura al polo sud è più elevata di almeno una decina di gradi rispetto a qualsiasi
altro punto del pianeta (la temperatura media su Nettuno si aggira intorno ai duecento gradi Celsius al
di sotto dello zero). Nettuno, il pianeta più lontano del nostro Sistema Solare, si trova trenta
volte più lontano dal Sole riespetto alla Terra, dunque riceve appena 1/900 della luce solare che investe
il nostro pianeta. Per quanto piccolo, però, l’apporto della luce del Sole è sufficiente a riscaldare
in maniera rilevante l’atmosfera del pianeta…



ESO Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *