NASA e Gemini osservano misteriose esplosioni nelle profondità del cosmo…

Utilizzando la potente combinazione costitutita dal satellite Swift della NASA e dal Gemini Observatory,
alcuni astronomi hanno rilevato un misterioso tipo di esplosione cosmica, avvenuta miliardi di anni fa
in una lontanissima zona di universo…

L’esplosione è nota tecnicamente come un gamma-ray burst (GRB) corto, e ha avuto luogo ben 7,4 miliardi e mezzo di ani fa, praticamente in un’epoca
a “mezza strada” tra noi e il Big Bang.
Il telescopio ultravioletto di Swift ha catturato quella sorta di impronta luminosa associata
a questo peculiare GRB, che prende il nome di “afterglow”. Il nome dell’evento è GRB 070714B, ed è assai interessante in quanto
costituisce il più corto GRB di cui si sia potuta misurare la distanza.




La rilevazione del lampo associati a GRB 070714B, il più lontano GRB “corto” mai rilevato.

Credits: Swift/UVOT Science Team/NASA

“La scoperta muove drammaticamente all’indietro nel tempo l’epoca alla quale riteniano che i GRB corti possano esplodere. L’evento
è almeno il doppio più lontano di quello che finora era ritenuto il più distante”
, dice John Graham, della Johns Hopking University
(Baltimora), che presenterà la scoperta nel meeting invernale della Associazione Astronomica Americana, in Texas.

Un’altra peculiarità di questo GRB è nella sua energia: è infatti cento volte maggiore di quella tipica dei GRB corti,
tanto da apparire molto più vicina a quella della categoria dei GRB più estesi nel tempo. L’evento osservato
risulta tanto diverso da quelli conosciuti, che è possibile che per spiegarlo
si debbano ipotizzare nuovi scenari, come magari eventi di fusione tra buchi neri e stelle di neutroni.



NASA Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *