L’ammasso di galassie di Coma visto da Hubble

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato una bellissima vista della popolazione di stelle dell’ammasso di galassie chiamato Coma Cluster, una delle più dense collezioni di galassie in tutto l’Universo conosciuto…

La Advanced Camera for Surveys di Hubble ha mappato una larga porzione del Coma Cluster, che copre un’area di molti milioni di anni luce. L’intero ammasso di galassie è in realtà vastissimo, poichè si estende per più di 20 milioni di anni luce in diametri, è di forma praticamente sferica, e contiene migliaia di diverse galassie.

L’ammasso di galassie è noto anche come Abell 1656, ed è alla distanza di 300 milioni di anni luce dalla Terra, in direzione
del polo nord della Via Lattea. Proprio la sua posizione – così distante dal disco galattico della nostra Via Lattea – rende
assai interessante la sua osservazione, poichè occupa un’area del tutto libera da gas e polveri che invece rendono difficile
l’osservazione di oggetti vicini al piano della Galassia…




Il Coma Cluster, visto dalla camera ACS del Telescopio Spaziale Hubble

Credits: NASA, ESA, and the Hubble Heritage Team (STScI/AURA).
Acknowledgment: D. Carter (Liverpool John Moores University) and the Coma HST ACS Treasury Team.

La gran parte delle (moltissime) galassie che abitano la parte centrale del Coma Cluster sono
galassie ellittiche. Questo tipo di galassie
presenta una struttura interna relativamente omogenea (a differenza delle galassie a spirale, come la nostra Via Lattea,
che mostrano un disco ben definito, un nucleo centrale e dei bracci di spirale), e contiene popolazioni stellari quasi
esclusivamente “antiche”, senza evidenze chiare di fresca formazione stellare. Come ben testimoniano anche queste foto
di Hubble, nell’ammasso di Coma se ne trovano in abbondanza, e in
un ampio intervallo di dimensioni, che dalle nane ellittiche arriva fino alle giganti.



SpaceTelescope.org Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *