Un evento di microlensing

Quando un sistema planetario passa in prossimità della linea di vista verso una stella ben più distante, sullo sfondo, la gravità del pianeta e (soprattutto) della sua stella possono agire in maniera analoga ad una sorta di lente…

… con il risultato di amplificare la luce proveniente dalla stella lontana, causando un breve cambiamento nella sua luminosità apparente. Il fenomeno, noto come microlensing gravitazionale, fornisce un metodo piuttosto potente per rilevare pianeti eventualmente presenti intorno alle stelle, e apprendere dettagli sulle loro proprietà.


L’evento di microlensing MOA-BLG-2007-192

Image credit: D. Bennett, D. Kubas, S. Brillant, and collaborators

Qui è mostrata una immagine in banda J dell’evento di microlensing denominato
MOA-BLG-2007-192 (al centro della zona evidenziata con un cerchio); si tratta di un sistema che ospita un pianeta di circa 3 masse terrestri, in orbita a circa 0,6 unità astronomiche intorno ad una stella nana bruna. L’immagine è stata eletta Foto della settimana presso il sito ESO Chile. Future osservazioni (eventualmente con il telescopio spaziale Hubble) aiuteranno gli scienziati a decidere sulla natura esatta del pianeta.

Dettagli ulteriori sulla scoperta, destinata ad esser pubblicata sulla rivista
Astrophysical Journal,
possono essere trovati nella Press Release della National Science Fundation,

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.