Chandra osserva l’ammasso di galassie Abell 1689

Gli strumenti di bordo di Chandra ci restituiscono una bella di Abell 1689, un grande ammasso di galassie
posto a circa 2,3 miliardi di anni luce dalla Terra, il quale mostra segni di recente attività di “fusione” tra alcune
tra le galassie di cui è formato…

Nell’immagine qui riprodotta, il gas a temperatura di centinaia di milioni di gradi è mostrato con un alone rosa, mentre
invece il gas rilevato da dati ottici è evidenziato in colore giallo. L’emissione in banda X ha un aspetto piuttosto sfumato,
a differenza di altri sistemi in cui sono in atto processi di fusione, come il Bullet Cluster o il sistema
MACS J0025.4-1222 (del quale abbiamo già riferito
su queste pagine).

La distribuzione dei valori della temperatura in Abell 1689 è decisamente più complessa,
in ogni modo, tanto che la sua
interpretazione richiede probabilmente la presenza di strutture multiple a differenti temperature.




L’immagine dell’ammasso di galassie Abell 1689

Credits: X-ray: NASA/CXC/MIT/E.-H Peng et al; Optical: NASA/STScI

Gli archi estesi nell’immagine ottica sono causati
verosimilmente da fenomeni di lensing
gravitazionale
di galassie
sullo sfondo, ad opera della materia presente nell’ammasso di galassie; è il più grande sistema di tali archi mai
rilevato finora.

Ulteriori studi di questo ammasso saranno comunque necessari al fine di dare ragione della differenza della
stima della massa come ottenuta dai dati in banda X e dall’analisi del fenomeno del lensing gravitazionale. Lavori
precedenti suggeriscono come la struttura a filamento delle galasie sia localizzata vicino a Abell 1689 lungo la linea
di vista tra noi e l’ammasso, il che potrebbe alterare le stime di massa fatte sfruttando il fenomeno del lensing.



Chandra Press Release


Iscriviti alla newsletter settimanale di GruppoLocale!

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *