Osservazioni Hubble dirette di un pianeta extrasolare!

Il telescopio spaziale Hubble ha acquisito la prima immagine in banda visibile di un pianeta orbitante intorno ad un’altra stella!

La sua massa non dovrebbe essere più grande di tre volte quella di Giove; il pianeta appena scoperto
prende il nome di Fomalhaut b e orbita intorno ad una stella brillante del cielo del sud, chiamata appunto Fomalhaut,
alla distanza di 25 anni luce dalla Terra, nella costellazione Piscis Austrinus.

Fomalhault ha attirato l’interesse degli astronomi “cacciatori di pianeti” da diverso tempo, fin da quando fu scoperto un eccesso di polvere intorno
alla stella, nei primi anni ottanta, dal satellite IRAS (Infrared Astronomy Satellite).

Nell’anno 2004, il coronografo della High Resolution Camera sulla Advanced Camera for Surveys di Hubble produsse poi la prima immagine mai ottenuta in banda visibile della
larga cintura di polvere che circond Fomalhaut. Le immagini mostravano con chiarezza che la struttura stessa è in effetti costituita da esteso un anello di frammenti proto-planetari,
abbastanza simile alla fascia di Kuiper, che circonda il nostro Sistema Solare e contiene una miriade di detriti ghiacciati di dimensioni che vanno dal grano di polvere, fino anche alle dimensioni di piccoli
pianeti, come Plutone.




L’immagine di Fomalhaut b in orbita intorno alla sua stella, Fomalhaut.

Credits:NASA, ESA and P. Kalas (University of California, Berkeley, USA)

Le osservazioni appena effettute da Hubble che hanno individuato il pianetino, sono state acquisite nell’arco di ben 21 mesi, e mostrano l’oggetto celeste muoversi in un’orbita
intorno alla stella, quindi mostrando di essere gravitazionalmente legato a questa. Il pianeta è distante dalla stella “madre” circa 10 volte la distanza che intercorre tra Saturno e il Sole.



SpaceTelescope Press Release




Iscriviti alla newsletter di GruppoLocale!

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.