Hubble fa luce sul mistero della formazione stellare in NGC 1569

Gli astronomi si sono interrogati per molto tempo sula ragione per la quale una galassia piccolina, isolata, possa
produrre nuove stelle assai velocemente, più in fretta di ogni galassia conosciuta intorno a noi. Grazie al telescopio spaziale Hubble ora sembra che si cominci a fare luce sull’enigma di NGC 1569…

Hubble ha infatti aiutato gli astronomi in maniera decisiva a risolvere
l’annoso mistero della galassia solitaria e “esuberante”
NGC 1569,
mostrando come in realtà essa si trovi ad una distanza una volta e mezza più grande di quanto
i ricercatori ritenessero fino ad oggi.

Questa insospettata “extra-distanza” è tutt’altro che irrilevante, poichè ci porta
a ricollocare la galassia proprio nel
mezzo di un gruppo di circa 10 galassie, centrate
intorno alla galassia a spirale IC 342.
Per la data posizione, le interazioni gravitazionali tra le
galassie del gruppo sono in grado di comprimere il gas in NGC 1569 e stimolare così la formazione di nuove
stelle.




La suggestiva immagine della galassia NGC 1569 fornita da Hubble

Credits: NASA, ESA, the Hubble Heritage Team (STScI/AURA), and A. Aloisi (STScI/ESA)

Da tenere presente come la distanza più grande, significa non solo che la galassia sia intrinsecamente
più brillante di quanto finora ritenuto, ma anche che stia producendo nuove stelle ad un tasso circa due
volte più elevato rispetto a stime ottenute prima dei presenti dati. Per la precisione, la galassia sta formando
stelle ad un ritmo che risulta circa 100 volte più elevato rispetto a quanto avviene nella Via Lattea. Tale
alto tasso di formazione stellare
risulta inoltre essere stato più o meno costante per gli ultimi cento milioni
di anni.

Scoperta da William Herschel nel 1788,
NGC 1569 è la “casa” per tre tra i più grossi ammassi stellari mai
scoperti nell’universo locale. Ognuno di questi ammassi contiene più di un milione di stelle.



NASA Press Release




Iscriviti alla newsletter di GruppoLocale!
::
GruppoLocale su Facebook

Related Posts with Thumbnails
Print Friendly, PDF & Email

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me