Hubble e lo spettacolo del cielo multicolore…

C’è da stupirsi, davvero: ben 12 miliardi di storia del cielo si possono ritrovare in questa immagine panoramica, piena di colori, sicuramente senza precedenti.. Migliaia di galasse vi si affollano, colte in differenti fasi della loro evoluzione.

Le immagini da cui la composizione proviene sono state acquisite – tanto per cambiare! – al Telescopio Spaziale Hubble, tra ottobre e novembre dello scorso anno, tranendo un deciso vantaggio dall’adozione della nuova camera appena istallata, la Wide Field Camera 3 (WFC3), insieme ad altre prese tramite la Advanced Camera for Survey, nell’anno 2004. La vista è centrata su una porzione del cielo del sud, di un largo campo di galassie chiamato brevemente GOODS, ovvero Great Observatories Origins Deep Survey – un progetto di analisi del cielo a grandi profondità portato avanti da diversi osservatorii, per tracciare la formazione e l’evoluzione delle galassie.

Il campo di GOODS visto da Hubble.
…E non è forse pieno di meraviglie, il cielo sopra la nostra testa….?

Crediti: NASA, ESA, R. Windhorst, S. Cohen, M. Mechtley, and M. Rutkowski (Arizona State University, Tempe), R. O’Connell (University of Virginia), P. McCarthy (Carnegie Observatories), N. Hathi (University of California, Riverside), R. Ryan (University of California, Davis), H. Yan (Ohio State University), and A. Koekemoer (Space Telescope Science Institute)

L’immagine composite finale combina una grande varietà di colori, dall’ultravioletto, passando attraverso la luce visibile, fino a coprire le regione del vicino infrarosso. Da sottolinerare che una tale visione dettagliata e  multicolore dell’universo non ha precedenti, in termini di combinazione di colori, profondità ed accuratezza.

Quello a cui siamo davanti è infatti un ricco mosaico di circa 7500 galassie che coprono buona parte della storia dell’universo. Le galassie più vicine che si vedono nella figura hanno infatti emesso la loro luce poco più di un miliardo di anni fa. Di converso, le più lontante, alcune delle quali visibili come puntini di colore rosso, si vedono come apparivano ben 13 miliardi di anni fa, o circa 650 milioni di anni dopo il Big Bang. Il mosaico in se stesso copre una zona di spazio che è circa pari a qualle di un terzo del diametro della luna piena (ed è parimenti piena… di meraviglie!)

HubbleSite Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *