Il Sole a portata di IPhone

di Sabrina Masiero, Dipartimento di Astronomia dell’Università di Padova, Istituto Nazionale di Astrofisica, Osservatorio Astronomico di Padova


La nuova applicazione “3D Sun” ci permetterà di tenere il Sole nelle nostre mani. Cortesia NASA.

Il Sole a portata di mano. Anzi, di iPhone. Oggi si può, grazie a dei programmatori molto vicini alla NASA che hanno sviluppato un nuovo software e una nuova applicazione che permette di visualizzare dal vivo il Sole direttamente sul nostro cellulare: si chiama”3D Sun” ed è scaricabile gratuitamente dall’app store della Apple digitando il nome nella casella di ricerca dello Store, oppure visitando il sito: http://3dsun.org .

E’ proprio bello” afferma Dick Fisher, il Direttore della Divisione di Eliofisica della NASA. “Per la prima volta in assoluto possiamo monitorare il Sole come se fosse una sfera in 3D, vivente, che respira“. Infatti, è possibile “volare” letteralmente attorno alla nostra stella, zoomare sulle regioni attive e monitorare l’attività solare (periodo di minimo di attività permettendo).

Le immagini del Sole in tempo reale sono quelle inviate a Terra dalle sonde gemelle Stereo A e Stereo B, che attualmente permettono di ottenere una visione pari all’87% della sua superficie totale. In questo periodo, Stereo A si trova al di sopra dell’emisfero Nord del Sole, ad una distanza pari a quella della Terra, mentre Stereo B sta monitorando l’emisfero Sud. Insieme, hanno una visione quasi totale di tutta la superficie della nostra stella.

I telescopi a bordo di Stereo A e B osservano costantemente il Sole nelle frequenze dell’estremo ultravioletto (EUV), “ed è per queso motivo che la nostra stella viene rappresentata in falsi colori, in verde” spiega Lika Guhathakurta del team del programma Stereo presso la NASA e aggiunge che “non esistono immagini nella regione dell’ottico“.

Osservare nell’estremo ultravioletto permette di rilevare flare e macchie solari che sono luminose e quindi ben visibili a queste frequenze. Anche i “buchi coronali” sono ben visibili e rappresentano vaste aperture oscure nell’atmosfera solare attraverso le quali i getti di materia, sottoforma di vento solare, vengono proiettati verso l’esterno propagandosi in tutto il Sistema Solare. Le aurore boreali e australi sono il risultato delle particelle cariche del vento solare che raggiungono l’atmosfera terrestre e spiralleggiano nelle zone polari del campo magnetico terrestre.

Grazie a questa applicazione, potete ruotare il Sole, fare uno zoom sulle macchie solari, ispezionare i buchi coronali e, quando nel Sole si manifesta un flare, ecco che il nostro iPhone ci avverte con un’apposita segnalazione” afferma Guhathakurta. Moltissimi utenti, che hanno già iniziato ad usarlo, confessano che questa è la parte più interessante e che capita quando il Sole diventa attivo o quando vi sono degli eventi di particolare interesse sulla sua superficie. Per esempio, un allarme di qualche tempo fa segnalava agli utenti che una cometa, appena scoperta dalla sonda Stereo A, si stava avvicinando al Sole: la collisione sul Sole è stata ripresa e il filmato è oggi disponibile.

Un aspetto fondamentale di questo applicativo è offerto dalla possibilità di osservare la “parte nascosta” del Sole, quella non visibile da Terra. Guhathakurta aggiunge che “così le macchie solari non saranno più una sorpresa per noi“.

Recentemente, la sonda Stereo B stava monitorando una macchia solare (la numero 1041) quando si presentò l’eruzione da parte del campo magnetico della macchia stessa. Per la prima volta, da almeno due anni, una zona attiva solare produsse un potente flare solare, che da un punto di vista tecnico venne indicato con la lettera M e che, nonostante fosse invisibile da Terra, produsse un improvviso minimo solare. Con questo iPhone è possibile osservare fenomeni estremamente interessanti e che, altrimenti, ci sfuggirebbero completamente.

 

Alcune foto delle schermate dell’applicazione. Da sinistra verso destra: una protuberanza ripresa dalla sonda Stereo B in piena eruzione, un esempio di notizie dell’ultim’ora e il filmato della collisione della cometa sul Sole, ripresa dalla sonda gemella Stereo A. Cortesia: NASA.

 
“ED Sun” è stato realizzato da un team di programmatori guidato dal Dottor Tony Phillips, editore di Science @NASA il quale ha affermato che la versione numero 1 dell’applicativo è solo all’inizio: la verisione 2.0, tra breve in uscita, offrirà immagini a maggiore risoluzione e immagini multiple nell’estremo ultravioletto (EUV). Saranno proprio quest’ultime a rivelare ancor più attività solare che non in precedenza.

Per ulteriori informazioni si visiti il sito della NASA:  http://science.nasa.gov/headlines/y2010/17feb_3dsun.htm .

Sabrina

Pubblicato da

Sabrina

Ph Doctor in Astronomy (University of Padova, Italy). Translator of the Official Comic Book of the International Year of Astronomy 2009 (IYA2009), “The Lives of Galileo” by Fiami. Member of The Climate Summit Italia.
2013- Project GAPS (Global Architecture of Planetary Systems)-HARPS-N at INAF-Osservatorio Astronomico di Padova and Telescopio Nazionale Galileo (TNG)-Fundacion Galileo Galilei (La Palma, Canary Islands).

10 commenti su “Il Sole a portata di IPhone

  1. Mamma mia Sabrina, sono basito. Tanto di cappello, questo è davvero un articolo esteso, molto interessante e scritto proprio bene!! Bravissima, dieci e lode!! 😉

  2. Grazie Giuseppe.. è Sabrina che ha fatto davvero un ottimo lavoro! A proposito, so che ho una domanda “pendente”, quando posso ci guardo con calma! 😉

  3. Ci ho giocato un pò con il mio iPod Touch. Certo è buffo poter “ruotare” il Sole con il tocco delle dita ed esplorarlo in lungo e in largo, a diverse lunghezze d'onda… ! Ho anche trovato un paio di “punti caldi” nelle immagini di oggi (ma non ho avuto tempo di approfondire…). Flares, tempeste solari, spot? Comunque intrigante.. 😉

    C'è anche un'altra applicazione carina, della NASA, che porta su iPhone o iPod le immagini delle varie missioni spaziali.. potrebbe essere oggetto di un prossimo post. Chissà che ne pensa la mia coredattrice … 🙂

  4. Eh sì Giovanni, non è che te lo regalino… tanto è vero che non mi sono mai sentito abbastanza “motivato” per spendere la cifra necessaria per averlo (una piccola fortuna, secondo me). Però l'iPod costa meno e le applicazioni (se c'è copertura di rete) sono le stesse.. 😉

  5. Ah si?! Non sapevo che i programmi dell'uno girassero sull'altro, buono a sapersi… non si sa mai.

    PS
    Chiamami Andrea, lo preferisco, soprattutto rispetto a Giovanni che non so chi sia! Tranquillo, capita di sbagliare i nomi, io li sbaglio con la persona davanti a me… figurati

  6. Sì sì in effetti per provare le applicazioni iPhone l'iPod Touch è senz'altro l'alternativa di gran lunga più economica… Molte (se non tutte) vanno benissimo per l'iPod!

    Ehm, Andrea, scusa per il refuso sul nome.. lo so che non dovrei scrivere post e commenti a tarda notte, poi gli effetti si vedono 😉

    Buona domenica,
    Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *