Nuova versione di Stellarium, il cielo portatile

Due nuove versione per il popolare programma Stellarium, che permette di esplorare la volta celeste, traendo vantaggio da un notevole database che comprende oltre 600.000 stelle (con cataloghi extra di più di 120 milioni di oggetti!), con la rappresentazione delle costellazioni, immagini delle Nebulose (tutto il catalogo di Messier), rappresentazione realistica della Via Lattea, pianeti e satelliti. Include effetti realistici di alba e tramonto, zoom, controlli telescopio…

… insomma ce ne sono di caratteristiche interessanti, per convincere a fare un giro con Stellarium anche a chi sia anche solo vagamente appassionato di astronomia…!

Una schermata del programma Stellarium.
Si parte dal quartier generale di ESO, a Garching, presso Monaco di Baviera…

La versione 0.10.3 è stata rilasciata il 29 gennaio, con nuove caratteristiche come dei plug in per predire la posizione di satelliti artificiali, un database che incorpora un’altra “cultura del cielo” (quella Azteca) e altre cose di cui vi lascio il piacere della scoperta 😉

La versione 0.10.5 è appena di ieri, e comprende una correzione di numerosi bugs, un tempo di caricamento ridotto e altre migliorie.

Stellarium è disponibile per i maggiori sistemi operativi (Windows, Linux e Mac OS X) ed è gratis e per di più è “open source”. Che si può pretendere di più…?

Il sito web di Stellarium è www.stellarium.org .

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro.
http://www.marcocastellani.me

11 commenti su “Nuova versione di Stellarium, il cielo portatile”

  1. http://www.stellarium.org/it/ qui ci sono le caratteristiche in italiano, anche se mi pare che siano ferme alla versione 0.10. La versione “tosta” dovrebbe essere la 0.13 (la 0.15 è praticamente una versione di correzione di bachi se ben capisco)
    Non l'ho ancora provata bene, ma dalle note di rilascio in inglese sembra che il “pezzo forte” sia il nuovo sistema di plugin, dove si possono caricare le posizioni dei satelliti artificiali in orbita intorno alla Terra (anche se personalmente non è una caratteristica che considero imperdibile…..)

    Buona domenica ! 😉

  2. Buona domenica anche a te (ed a tutti)

    Mi sa che 'sti plug-in non li ho notati. Anche se per esperienza personale preferisco non installare troppi componenti aggiuntivi: rallentano i programmi, spesso li mandano in blocco (per chi preferisce l'inglese in crash) e quasi sempre non li uso se non all'inizio per provarli!

  3. Giuseppe, grazie! Il sito era proprio quello che mi hai indicato tu. Temo che fosse per via della lentezza della linea… L'ho scaricato, installato e c'ho pure giocato un pochino. Fantastico! Non ho mai avuto familiarità con Stellarium, mi sono sempre divertita a studiare le formule fisiche… Che perda la laurea e il dottorato per questo ??? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *