Un nuovo impatto su Giove

Il punto luminoso sull’atmosfera di Giove mostra la posizione dell’impatto dell’asteroide osservato da Masayuki Tachikawa il 20 agosto 2010. Fonte Ciel et Espace.

Il 20 agosto 2010 alle ore 18, 22 minuti e 12 secondi (UT) si è verificata una nuova collisione sul pianeta Giove, probabilmente un piccolo asteroide catturato dal gigante del nostro Sistema Solare. Il video realizzato dall’astrofilo Mr. Masayuki Tachikawa che vive a Kumamoto, Giappone, è stato ripreso con una Philips Toucam Pro2 attaccata al suo telescopio, un Takahashi TAO-150 f1100mm.

E’ la seconda volta che viene registrata una collisione con il pianeta: la precedente, verificatasi il 3 giugno 2009, era stata osservata dall’australiano Anthony Wesley in contemporanea con il filippino Christopher Go. Le loro osservazioni molto simili a quelle di M. Tachikawa, fanno pensare ad una collisione di corpo di dimensioni di qualche metro penetrato nell’atmosfera di Giove. Il giorno prima nessuna traccia sul pianeta era stata osservata dall’Hubble Space Telescope.

Giove fotografato il 20 agosto 2010. Crediti: Masayuki Tachikawa. Disponibile su: http://alpo-j.asahikawa-med.ac.jp/kk10/j100820r.htm .

Per osservare il video vi suggerisco di visitare L’Asssociation of Lunar and Planetary Observers alla pagina: http://alpo-j.asahikawa-med.ac.jp/kk10/j100820r.htm , cliccate su “wmv” sotto l’immagine e scegliete “salva come”, visualizzando il video col vostro Media Player.

Sfortunatamente il tempo dell’osservazione presenta un’incertezza di + – 1 minuto, ma questo non toglie nulla alle spettacolarità delle immagini.

Fonte: Ciel et Espace.fr: http://www.cieletespace.fr/node/5760 e http://alpo-j.asahikawa-med.ac.jp/kk10/j100820r.htm .

Sabrina

Related Posts with Thumbnails

Autore: Sabrina

Ph Doctor in Astronomy (University of Padova, Italy). Translator of the Official Comic Book of the International Year of Astronomy 2009 (IYA2009), "The Lives of Galileo" by Fiami. Member of The Climate Summit Italia. 2013- Project GAPS (Global Architecture of Planetary Systems)-HARPS-N at INAF-Osservatorio Astronomico di Padova and Telescopio Nazionale Galileo (TNG)-Fundacion Galileo Galilei (La Palma, Canary Islands).

  • Giuseppe Andrea Gentile

    Pare che Giove rappresenti un buon “aspirapolvere spaziale salva Terra”, come alcuni sostengono ultimamente alcune persone….
    magari questi corpi (molto)minori non avrebbero mai raggiunto il nosto pianeta, ma preferisco sapere che vengono attirati da Giove piuttosto che da casa mia!

  • sabrina

    Sì, Giove è un grande aspirapolvere. Di sicuro, la massa del Sole attira questi corpi e se la Terra nella sua traiettoria si trova ad incrociarli… Direi che la probabilità di evitarli è nulla.
    Meglio avere Giove, sì, Giuseppe. Un’aspirapolvere in casa non farebbe proprio nulla, ma nello spazio ci salva!

  • Sì, Giove è un grande aspirapolvere. Di sicuro, la massa del Sole attira questi corpi e se la Terra nella sua traiettoria si trova ad incrociarli… Direi che la probabilità di evitarli è nulla.
    Meglio avere Giove, sì, Giuseppe. Un’aspirapolvere in casa non farebbe proprio nulla, ma nello spazio ci salva!