Impatto su Giove

La macchia scura nella parte inferiore di Giove è stata causata da una collisione con un asteroide, che è precipitato sul pianeta gassoso nel luglio 2009. Per riuscire a scattare questa fotografia, gli ingegneri hanno sospeso le attività di controllo programmate dopo la fine dell’ultima misisone di manutenzione. Giove si trova a circa 780 milioni di chilometri dalla Terra (5,2 UA).

Crediti: NASA, ESA, M. H. Wong (University of California, Berkeley), H. B. Hammel (Space Science Institute; Boulder, Colo), J. I. de Pater (University of California, Berkeley) e The Jupiter Impact Team.

Un confronto tra le dimensioni dell’impatto prodotto nell’atmosfera gioviana e le dimensioni della Terra.
Crediti: Paul Kalas (UCB), Michael Fitzgerald (LLNL/UCLA), Franck Marchis (SETI Institute/UCB), James Graham (UCB).

Uno dei numerosi video disponibili su YouTube è quello che trovate su:

http://www.youtube.com/watch?v=-sdHaYRHBYc

dove viene mostrata la macchia scura man mano che Giove ruota su se stesso. Sulla sinistra sono visibili alcuni dei suoi satelliti.

Sabrina Masiero

Related Posts with Thumbnails
  • mcastel

    Affascinante… quante cose succedono nel nostro piccolo Sistema Solare! Da “ragazzo” ero affascinato dalla cosmologia (e ancora lo sono abbastanza) oltre l’ambito del mio lavoro, ma ora comincia a farsi sempre più intrigante proprio l’osservazione dell’Universo vicino, anzi vicinissimo……… grazie Sabrina!

  • Pingback: Tweets that mention Impatto su Giove « GruppoLocale.it -- Topsy.com()

  • Come mai un articolo su un impatto del 2009? Sarebbe interessante parlare degli altri due impatti registrati nl 2010. Impatti che han portato a dubitare degli studi per cui il gigante gassoso subirebbe impatti solo in tempi parecchi distanti

  • Giuseppe, ho fatto una scelta. L’impatto più spettacolare è stato sicuramente quello del 1994 della Shoemaker Levy 9. In quell’occasione l’Hubble Space Telescope era stato messo a disposizione per osservare il pianeta e l’evoluzione nel tempo dell’impatto.
    Sai, le teorie sono tali perchè possono venire smentite. Da sempre si è ritenuto Giove un grande attrattore, secondo dopo il Sole (molto dopo il Sole, visto che quest’ultimo ha una massa pari a circa il 99,6% della massa totale del sistema solare).
    Di fenomeni di questo tipo se ne sono osservati pochi per ovvie ragioni: il telescopio funziona da ven’tanni e prima i nostri strumenti erano davvero così poca cosa in confronto all’Hubble che non si poteva osservare granchè.
    Dopo solo 4 anni di funzionamento, Hubble ha permesso di osservare un impatto su Giove… Noi non abbiamo la certezza che prima del 1990 su Giove non sia impattato nulla, il problema è che non lo abbiamo osservato. Quindi, quello di dire che gli impatti su Giove sono molto più frequenti di quanto si pensava è un’affermazione azzardata. Bisognerebbe prendere una scala temporale molto più lunga. Su ven’tanni se ne sono registrati in totale quattro, ma questi quattro avrebbero essere tutti concentrati in un anno o nell’arco di cinque o di deci… Ora potrebbero passare trent’anni senza osservare nessun impatto, chi lo sa. Sono solo calcoli statistici.
    Ciao!

  • Quante immagini e scoperte meravigliose ci ha regalato Hubble… In vent’anni ha rivoluzionato la nostra conoscenza del mondo e il modo stesso di fare ricerca.
    E’ meraviglioso, un gioiello tecnologico che è vecchissimo se confrontato con i nuovi telescopi (anche terrestri) eppure sempre molto “frizzante”. Come dicevano un tempo, a volte l’età anagrafica non conta! 🙂

  • Pingback: Tweets that mention Impatto su Giove « GruppoLocale.it -- Topsy.com()