Giorni di gloria

 

di Umberto Genovese

« Houston, Tranquility Base here. The Eagle has landed. »

watch?v=dMoZiqIeUjI&feature=player_embedded

Io c’ero.
Ero piccino picciò, ma tra quei 600 milioni di esseri umani che videro atterrare l’Eagle sulla superficie lunare alle 22:17 ora italiana del 20 luglio 1969 c’ero anch’io [1].
Quella fu una data storica per l’umanità, che si strinse assieme a quei due astronauti, Neil Armstrong e Michael Collins –  mentre il caro Buzz Aldrin li aspettava sull’altra metà del modulo chiamato Columbia – in un autentico fraterno abbraccio per un attimo senza più confini etnici politici o religiosi.

 

Carl Sagan posa accanto a un modello del lander Viking che atterrò su Marte. Sagan esaminò i possibili punti di atterraggio per le Viking insieme a Mike Carr e Hal Masursky.

35 anni fa esatti su Chryse Planitia si posò il Viking 1.
Partito da Cape Canaveral il 20 agosto 1975, raggiunse l’orbita marziana il 19 giugno 1976. Il lander fu fatto atterrare il 20 luglio in un luogo pianeggiante e scientificamente interessante scelto tra gli altri da Carl Sagan. Fu la prima sonda interplanetaria a toccare il suolo marziano e la seconda più longeva: fu attiva fino al 1982, quando un errore di riprogrammazione che doveva allungare la vita delle batterie sovrascrisse le routine di puntamento dell’antenna verso la Terra.

Grissom und Liberty Bell 7. Virgil Grissom accanto alla sua Liberty Bell 7.

 

La missione Mercury-Redstone 4 (MR-4) del 21 luglio 1961 fu il secondo volo suborbitale con un uomo – americano – a bordo nell’ambito del programma Mercury.
Per l’astronauta Virgil “Gus” Grissom quel volo fu qualcosa di rocambolesco. Per cause non ancora del tutto chiarite il meccanismo esplosivo che apriva la capsula – che lui aveva battezzato Liberty Bell 7 [2]  in onore alla famosa Campana della Libertà di Philadelphia e ai sette astronauti del programma Mercury – si azionò subito dopo l’ammaraggio, inondando la capsula e facendola affondare nell’Oceano Atlantico. Grissom che per fortuna si era già tolto le cinture e tubi dell’aria della capsula riuscì a fuggire e a salvarsi.

La Liberty Bell 7 appena recuperata nel 1999.

 

Grissom era stato indicato come primo astronauta del progetto Apollo e candidato ad essere il primo uomo sulla Luna al posto di Armstrong, ma morì  il 27 gennaio 1967 con i suoi compagni astronauti Edward White e Roger Chaffee nell’incendio dell’Apollo 1.
Il 20 luglio 1999 la Liberty Bell 7 di Virgil Grissom fu recuperata dal fondo dell’Oceano Atlantico 30 anni dopo lo storico sbarco sulla Luna di Neil Armstrong.

Quante cose possono accadere  il 20 luglio!

[1] Ebbene sì, ho più di 42 anni, ormai sono un vecchietto!
[2] I tecnici della NAASA dipinsero anche la caratteristica fessura della campana originale sulla navetta.

Articolo originale pubblicato su Il Poliedrico: http://ilpoliedrico.altervista.org/2011/07/giorni-di-gloria.html#fn-2621-1

Umberto

Pubblicato da

Sabrina

Ph Doctor in Astronomy (University of Padova, Italy). Translator of the Official Comic Book of the International Year of Astronomy 2009 (IYA2009), "The Lives of Galileo" by Fiami. Member of The Climate Summit Italia. 2013- Project GAPS (Global Architecture of Planetary Systems)-HARPS-N at INAF-Osservatorio Astronomico di Padova and Telescopio Nazionale Galileo (TNG)-Fundacion Galileo Galilei (La Palma, Canary Islands).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.