Juno è partito

 

Il lancio della sonda Juno della NASA è avvenuto alle 18:25 ora italiana. Tutte le immagini sono tratte dal sito USTREAM NASA JPL Live: http://www.ustream.tv/nasajpl2

 

Partito oggi, Juno arriverà su Giove nel 2016 per studiare il gigante gassoso lungo un’orbita polare ellittica. La sonda farà continue immersioni tra il pianeta e le sue cinture di particelle molto intense, arrivando a circa 5 chilometri dalla sommità delle sue nubi nel punto di massimo avvicinamento.

 

Obiettivo primario della sonda è quello di migliorare la nostra comprensione della formazione di Giove e la sua evoluzione. La sonda passerà un anno indagando le origini del pianeta, la sua struttura interna, l’atmosfera profonda e la magnetosfera. Lo studio di Juno del gigante gassoso ci aiuterà a capire la storia del nostro sistema solare e a formire nuovi indizi su come i sistemi planetari si formano e si sviluppano nella nostra galassia e anche in altre.

 

Il Principal Investigator di Juno è Scott Bolton del Southwest Research Institute a San Antonio, in Texas.

Il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, Californa, seguirà e gestirà le varie fasi della missione. Il costruttore della sonda è la Lockheed Martin Space System di Denver, Colorado.

L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) ha avuto il suo contributo nello spettrometro e in una parte di un esperimento in radio.

Buon Viaggio Juno !

Sabrina

Related Posts with Thumbnails

Autore: Sabrina

Ph Doctor in Astronomy (University of Padova, Italy). Translator of the Official Comic Book of the International Year of Astronomy 2009 (IYA2009), "The Lives of Galileo" by Fiami. Member of The Climate Summit Italia. 2013- Project GAPS (Global Architecture of Planetary Systems)-HARPS-N at INAF-Osservatorio Astronomico di Padova and Telescopio Nazionale Galileo (TNG)-Fundacion Galileo Galilei (La Palma, Canary Islands).