Curiosity è su Marte! E l’account Twitter “decolla”…

Pieno successo per l’atterraggio marziano di Curiosity! Le manifestazioni di gioia del team, trasmesse da NASA television stamattina, rimarranno nella storia dell’esplorazione dello spazio. E’ veramente una grande impresa di cui tutti possiamo essere lieti. E anche fieri. Senza retorica, ma in questa epoca di crisi e di incertezza è bello vedere che investire su un progetto lungo e complesso, con tutti i rischi che comporta, spesso paga. Che l’umanità non si stanca di essere curiosa, di cercare, di investigare, di voler capire. L’esplorazione continua. Le meraviglie che ci regala il cosmo si rinnovano continuamente, seguendo la nostra stessa capacità di comprendere nuove cose. In bocca al lupo, Curiosity! 

C’è anche un importante corollario informatico, che vorrei sottolineare. Mentre scrivevo il pezzo di ieri sera, l’account Twitter di Curiosity era poco sotto i 200.000 iscritti. Che è già una bella cifra. Non so quanti si sono accorti, tra l’euforia dell’evento e tutto il resto, che ora lo stesso account vanta più di 450.000 iscritti. Tutto in una notte, si potrebbe dire.

Ed è un bel risultato anche questo, perché ci fa capire che il desiderio della gente di essere informata anche su queste grandi missioni, è forte, è concreto. E dobbiamo essere veramente grati di vivere in un momento in cui le possibilità tecniche permettono anche ad un cittadino “comune” di essere in stretto contatto con le notizie più recenti di un progetto scientifico di grande portata, attinte per giunta senza intermediari e davvero in tempo reale. Pensate a come poteva essere solo vent’anni fa, pensate a quante possibilità abbiamo oggi, in più.

Forse è anche ora di rivedere l’opinione comune per la quale i social media vengono spesso associati ad amicizie fatue o a perdite di tempo (non sono mai mancate dotte speculazioni sociologiche su questo). Possono essere questo, ma possono essere anche tutt’altro. Come ci insegna una piccola sonda, appena poggiata su Marte.

 MC

Related Posts with Thumbnails

Autore: Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.it