Scoperte nuove famiglie di asteroidi

Asteroid Belt
Rappresentazione artistica di un asteroide. Crediti NASA.

Gli astronomi utilizzando il Wide-field Infrared Survey Explorer (WISE) della NASA hanno identificato 28 nuovi famiglie di asteroidi. I risultati sono ad un punto critico nella conoscenza delle origini delle famiglie degli asteroidi e nelle collisioni che si pensa abbiano creato questo insieme di oggetti rocciosi.

“Stiamo separandoz le zebre dalle gazzelle” ha affermato Joseph Masiero del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, California, primo autore dello studio apparso su The Astrophysical Journal. “Prima i membri della famiglia di asteroidi erano più difficili da distinguere perchè viaggiavano in gruppi vicini. Ma ora abbiamo un’idea migliore di quali asteroidi appartengano alle varie famiglie”.

Una famiglia di asteroidi si forma quando una collisione viene a frammentare un corpo “genitore” in varie dimensioni. Alcune collisioni lasciano crateri di dimensioni gigantesche. Per esempio, l’emisfero sud dell’asteroide Vesta è stato scavato da due grandi impatti. Altre collisioni possono essere catastrofiche, mandando in frammenti un oggetto di una certa dimensione e creando vari asteoroidi di dimensioni minori come nel caso dell’asteroide Eros i cui frammenti si muovono insieme in gruppo, viaggiando lungo lo stesso percorso intorno al Sole, ma col passare del tempo si allontanano sempre di più fra loro e diventano più sparsi.

Vesta - Dawn
Vesta e gli altri asteroidi visitate da sonde umane. Crediti NASA.

Le nuove famiglie sono state trovate in milioni di scatti nell’infrarosso da parte del cacciatore di asteroidi NEOWISE, una parte del WISE all-sky survey. Il team di NEOWISE ha esaminato circa 120 000 asteroidi della Fascia Principale dei 600000 conosciuti. Il team ha trovato che circa 38 000 di questi oggetti, circa un terzo della popolazione osservata, potrebbe essere assegnata a 76 famiglie, 28 delle quali sono nuove. Inoltre, si pensa che alcuni asteroidi appartengano ad una particolare famiglia e sono stati riclassificati.

asteroidi
Rappresentazione artisitica di una coppia di asteroidi. Crediti: NASA.

“NEOWISE ha fornito i dati per un’osservazione più dettagliata sull’evoluzione degli asteroidi in tutto il Sistema Solare” ha affermato Lindley Johnson, Program Executive per il Near Earth Object Observation Program presso il quartier generale della NASA a Washington. “Questo aiuterà a tracciare gli asteroidi vicini alla Terra alle loro posizioni originali e a capire come alcuni di essi siano poi emigrati in orbite pericolose per la nostra Terra”.

Il passo successivo sarà quello di imparare di più sui genitori di questi oggetti che hanno portato alle varie famiglie. “E’ come se si disponesse di cocci di un unico vaso rotto e si volesse metterli di nuovo insieme per capire che cosa è successo” ha affermato Amy Mainzer, Principal Investigator del NEOWISE presso il JPL. “Perchè si è formata la Fascia Principale degli Asteroidi e perchè non ha dato origine ad un unico pianeta? Stiamo mettendo insieme i pezzi della storia dei nostri asteroidi”.

Per ulteriori informazioni sulla missione si visiti il sito di WISE: http://www.nasa.gov/wise
Fonte NASA SCIENCE: New Asteroid Families Discovered  – http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2013/29may_asteroidfamilies/

Sabrina

Related Posts with Thumbnails

Autore: Sabrina

Ph Doctor in Astronomy (University of Padova, Italy). Translator of the Official Comic Book of the International Year of Astronomy 2009 (IYA2009), "The Lives of Galileo" by Fiami. Member of The Climate Summit Italia. 2013- Project GAPS (Global Architecture of Planetary Systems)-HARPS-N at INAF-Osservatorio Astronomico di Padova and Telescopio Nazionale Galileo (TNG)-Fundacion Galileo Galilei (La Palma, Canary Islands).

  • rick bonanni

    Interessanti considerazioni sugli asteroidi,

    Abbinata all’ argomento, mi viene da pormi delle domande abbinate alla nostra luna.

    Vediamo la Luna con diversi crateri, ma la terra essendo relativamente vicina e proponendo sempre la stessa “faccia” alla terra, mi domando, non dovrebbe fare un cono d’obra alle traiettorie delle asteroidi ?

    Altra domanda, contando gli impatti di asteroidi sulla luna, si potrebbe fare una stima “proporzionale” degli impatti possibili avennuti sulla terra ?, e tenendo conto dell’ atmosfera, e dei diametri dei crateri lunari, in “proporzione” suddividre le sitme asteroidi terresti in asteroidi discregate in atmosfera, in asteroidi con efetto sulla crosta terrestre di diversi gradi di entita’.

    Il tutto x rendersi conto, quanto la terra sia cambiata, quanto probabilisticamente le popolazioni abbiano potuto assistere all’ arrivo di asteroidi con un impatto tale da rendere l’evento un alterazione “sociale”.

    Ciao Rick Bonanni