Ode ad un fiore

Vi propongo qui di seguito una intervista alla BBC del famoso fisico Richard Feyman, utile per ragionare un pochino senza pregiudizi sulla specificità della scienza e sul mistero della bellezza.

Troppe volte ci si trova infatti davanti al luogo comune che vuole la scienza una disciplina fredda, senza meraviglia, senza possibilità di stupore. Anzi a volte ci si spinge ad oppore un tipo di conoscenza ‘estetica’ ad una ‘scientifica’, interpretando quest’ultima come quella che separa, seziona, disarticola, e dunque è incapace di cogliere l’unità intrinseca di un certo fenomeno, di un certo ente.

Purtroppo sono pregiudizi che inquinano, a mio avviso, un corretto rapporto tra il sapere scientifico e quello umanistico; prima di tutto, facendo ritenere che esistano due tipi di saperi. Quando a me sembra si possa dire che è uno soltanto. Quello che deriva dal tenere gli occhi aperti davanti al mondo e all’uomo, rimanere in un atteggiamento di fiducia (una fiducia non “infantile “ma direi “adulta”; d’altra parte il cinismo non esplora nulla) e farsi condurre dalla curiosità.

Bellissimo come Richard metta in luce l’accordo che si trova tra i diversi approcci, come modalità di conoscenza che si integrano, non si oppongono. Il fimato è del 1981, per la sua brevità è quasi folgorante, e smonta tanti pregiudizi che ancor oggi sono ben presenti nella mente di molti. Educativo davvero 😉

Related Posts with Thumbnails
  • Sabrina Masiero

    Che meraviglia. Ogni volta che lo ascolto è come se fosse la prima volta. Richard aveva una grande sensibilità, sapeva cogliere il senso di bellezza, fascino e mistero anche in un fiore. Grazie Marco, lo pubblico anche su TuttiDentro!

  • mcastel

    Cara Sabrina, in effetti è stata una bella sorpresa anche per me, scoprire come in un paio di minuti o poco più una grande personalità riesce a rimettere le cose a posto e a rendere giustizia da tanti modi sbagliati di pensare… Sono contento che ti sia piaciuto e lietissimo che tu contribuisca a propagarlo! Ti abbraccio 🙂

  • Pingback: Venere e il Sole, nel triplo ultravioletto | GruppoLocale.it()