Una pulsar … da corsa

PulsarCorsa

Crediti immagine: X-ray: NASA/CXC/ISDC/L.Pavan et al, Radio: CSIRO/ATNF/ATCA Optical: 2MASS/UMass/IPAC-Caltech/NASA/NSF

In fuga dalla supernova. Ma in fuga davvero: si tratta di velocità di milioni di chilometri all’ora. Una bella corsa, senz’altro. Difficile poter essere ripresi, a questo ritmo… 

Chi fugge è una pulsar, in basso a destra nell’immagine: è il puntino luminoso che si lascia dietro una lunga coda rosa. Un getto di materia osservato in banda X, lungo la bellezza di trentasette anni luce: è il getto più lungo mai osservato all’interno della nostra Via Lattea.

La struttura rosa nella parte sinistra dell’immagine, è costituita dai resti di una supernova scoppiata tempo fa. E’ da lì che la pulsar si sta allontanando.

La pulsar così peculiare è stata scoperta dal satellite INTEGRAL di ESA. Tra parentesi, è la pulsar più veloce mai osservata.

La bellezza di questa immagine potrebbe essere lo spunto per interessarsi un pochino di queste stelle in fase molto peculiare (di densità veramente… bestiale, se mi passate il termine). Particolare interessante che forse non tutti conoscono, le pulsar all’inizio furono scambiate per segnali provenienti da civiltà extraterrestri, come potrete imparare anche da uno sguardo alla relativa voce in wikipedia.

Maggiori dettagli nella press release sul sito di Chandra.

 

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.