La danza dei buchi neri…

Abbiamo parlato varie volte, nei mesi passati, del fenomeno del tutto nuovo della rilevazione delle onde gravitazionali, prodotte dagli eventi di fusione di due buchi neri. Proprio questi fenomeni molto energetici che avvengono nell’universo lontano sono i maggiori responsabili di quelle onde gravitazionali che proprio in questi anni siamo riusciti a rilevare anche da Terra, e che ci hanno aperto una nuova bellissima finestra di indagine, quella appunto dell’astronomia gravitazionale.

E se pure molte volte abbiamo argomentato di queste onde – correttamente previste da Einstein un secolo fa – forse ci siamo meno occupati della sorgente di queste onde così elusive, ma così importanti. 

Il fatto è che fenomeni anche fantasmagorici come la fusione di due buchi neri, non son cose facilmente rilevabili, non sono – per ora – ambiti facilmente indagabili con quella precisione anche visiva, della quale avremmo bisogno per fare anche di questo, materia compiutamente raccontabile.

Ci viene allora in aiuto la capacità moderna di effettuare simulazioni di fenomeni fisici, immettendo in codici di moderni supercalcolatori la grande quantità di dati di cui ora disponiamo. Anche la fusione di due buchi neri è stata simulata al computer, con grande precisione e anche in modo particolarmente evocativo. 

L’evento di fusione di due buchi neri di grande massa
(Crediti per video ed immagine: NASA)

La musica che accompagna questa animazione è di Edvard Grieg, Nell’antro del re della montagna, ed è una parte della meravigliosa suite dell’Opera 46 (suite sinfonica ricavata dalle musiche di scena del Peer Gynt di Ibsen). Si adatta direi molto molto bene alla “danza” che stiamo osservando nel video, sottolineandone mirabilmente la sua intrinseca eleganza. 

Qui notiamo appena una cosa, già accennata: la luce. Pur trattandosi appunto di buchi neri, che non emettono radiazione luminosa, il riscaldarsi del gas comunque coinvolto nell’evento provoca una decisa emissione di radiazione in banda ultravioletta ed in banda X.

Proprio ricercando tali eventi in queste bande ad alta energia, possiamo sperare in futuro di trovare ed anche studiare questi accadimenti “dal vivo”, ben prima che la danza abbia la sua conclusione con la completa fusione in un unico oggetto. 

Pubblicato da

Marco Castellani

Ricercatore astronomo, appassionato di letteratura, musica, computer e programmazione. Marito, papà  di quattro. http://www.marcocastellani.me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *