Individuata la controparte ottica di un gamma ray dopo solo nove minuti

Grazie alla eccellente coordinazione tra la sonda NASA High-Energy Transient Explorer (HETE) ed i telescopi a terra, gli scienziati sono riusciti a catturare la controparte ottica di un gamma-ray dopo appena nove minuti dall’esplosione che lo ha originato.

Lo scoppio, denominato GRB021004, ? stato rilevato venerd? 4 ottobre. HST e Chandra hanno poi osservato la controparte ottica nel giorno seguente, ed altre osservazioni Hubble sono previste a breve. Osservazioni decisamente importanti, poiche’ si confida di ottenere da queste indizi rilevanti sulla natura ancora misteriosa di questa classe di eventi cosi’ energetici.

In casi di questo tipo, e’ essenziale riuscire a determinare la controparte ottica del raggio gamma nel tempo piu’ breve possibile, in maniera da acquisire la maggior quantita’ di informazioni dall’analisi dell’andamento con il tempo della luminosita’ dell’oggetto in esame. E’ infatti tipico che poco dopo l’emissione di raggi gamma, l’oggetto emetta in banda ottica per diverso tempo.

Nel caso presente, l’individuazione molto repentina dell’afterglow ottico ha permesso agli astronomi di determinare la distanza minima dalla zona dell’esplosione, che verosimilmente e’ stata all’origine della creazione di un nuovo buco nero. Dati fondamentali al momento stanno continuando ad essere raccolti da pi? parti, poich? ormai quasi 100 telescopi da 11 paesi diversi, stanno tracciando i residui dello scoppio.



La freccia indica il luogo del gamma ray burst

(Credits: NASA)



La localizzazione cosi’ rapida della controparte ottica da parte di HETE ha fatto si’ che GRB021004 si possa considerare di gran lunga il raggio gamma meglio osservato in tutta la ormai trentennale storia dell’astronomia dei raggi gamma.

Ulteriori informazioni si possono reperire sul sito del Goddard Space Flight Center della NASA.

Nuovo satellite di Urano

Ha un diametro stimato compreso fra 5 e 10 chilometri ed ? il pi? piccolo fra quelli noti

Il sito web de Le Scienze da’ notizia della scoperta di un nuovo satellite del pianeta Urano, denominato S/2001.



Il satellite appena scoperto

Informazioni piu’ dettagliate si possono trovare su Space.com.

Una curiosita’: come potete leggere sul sito de Le Scienze, “Scoprire satelliti nel Sistema solare sta diventando sempre pi? difficile, ma le pazienti osservazioni archeologiche hanno dato un notevole risultato: un nuovo oggetto intorno a Urano.

Ineccepibile ma… sulle osservazioni “archeologiche”, ci si permetta di dubitare…!

Nobel a Riccardo Giacconi per l’astronomia nei raggi X

L’astrofisico italiano Riccardo Giacconi, insieme a Raymond Davis, sono i vincitori dei Nobel 2002 per l’astronomia.

Lo scienziato, nato a Genova ma cittadino americano dal 1977, e’ stato scelto per i suo lavori pionieristici sulla radiazione in banda X.





Riccardo Giacconi

(Credits: Chandra website)


Durante la sua carriera, Giacconi trovo’ la prima sorgente di raggi X al di fuori del sistema solare, e fu anche il primo a rilevare le sorgenti di raggi X che ora la maggior parte degli astronomi ritiene che contengano dei buchi neri.

Maggiori informazioni e link a pagine riferentisi a Giacconi e alle ricerche in banda X, si possono trovare su Newscientist.com, ScienceDaily Magazine, BBC News. Inoltre ll motore di ricerca Google propone una serie di link per ulteriori approfondimenti.

Nuove immagini dalla sonda MGS

Nuove immagini ad alta risoluzione dalla sonda Mars Global Surveyor!

La sonda MGS non è per nulla andata in pensione, ma continua a mandare a Terra immagini di altissima risoluzione, anzi della risoluzione più alta mai ottenuta. In questo caso, si tratta di una di quelle zone dove l’erosione molto recente da parte di un fluido è chiaramente visibile (in inglese vengono chiamati “gullies”).

Il Mars Global Surveyor e’ entrato nel suo sesto anno di orbita intorno al pianeta rosso. MGS raggiunse Marte il 12 settembre 1997. Le prime immagini furono ottenute il 15 settembre

Gullies nel cratere (Credits: NASA/JPL/Malin Space Science Systems)

La risoluzione di circa un metro e mezzo, consente di studiare particolari grossi appena una decina di metri.

Ulteriori particolari sul sito Malin Space Science Systems

Crediti: Alfonso Mantero

Scoperto un mondo di ghiaccio oltre Plutone

A quanto pare, il sistema solare sta “crescendo”: il telescopio spaziale Hubble ha appena individuato un pianeta ghiacciato oltre l’orbita di Plutone…!

“Quaoar”, come e’ stato battezzato, e’ il piu’ grande oggetto nel sistema solare mai osservato fin dal tempo della scoperta di Plutone, avvenuta piu’ di settanta anni fa. Quaoar e’ localizzato nella fascia di Kuiper, una zona che si trova oltre l’orbita di Nettuno, densamente popolata da oggetti simili a nuclei di comete, ricoperti di ghiaccio.



Una immagine “artistica” di Quaoar

(credits: NASA e G. Bacon, STScI)



Con i suoi circa 1300 chilometri di diametro, il pianeta risulta grande circa la meta’ di Plutone. Si puo’ considerare l’oggetto piu’ lontano nel sistema solare mai risolto da un telescopio!

Per quanto sia piu’ piccolo di Plutone, Quaoar e’ comunque piu’ grande in volume di tutti quanto gli asteroidi messi insieme, anche se probabilmente la sua massa raggiunge solo un terzo della massa totale della fascia degli asteroidi, poiche’ il ghiaccio, di cui e’ composto in gran parte, e’ piu’ leggero della roccia. Nel dettaglio, si ritiene che sia composto appunto di ghiaccio misto a roccia: non diverso in cio’ da una delle tante comete, sebbene sia circa 100 milioni di volte piu’ grande in volume…!

Per maggiori informazioni, si rimanda alla press release sul sito del telescopio spaziale Hubble.