Le mappe della sonda Odissey rivelano la storia di Marte

La sonda Odissey fornisce interessanti indicazioni di come la storia geologica di Marte sia assai piu’ complessa di quanto ipotizzato finora…

Non solo la questione della presenza di acqua rende interessanti i risultati della sonda Odissey. Le ormai migliaia di immagini in banda infrarossa acquisite dalla sonda infatti indicano come Marte abbia subito una serie di rilevanti cambiamenti rilevanti geologici nel corso della sua storia.

Mosaici delle immagini infrarosso della zona di Terra Meridiani mostrano infatti regioni con una complessa struttura geologica, con crateri e superfici erose, rivelando una struttura di ben quattro strati di roccia.



Una immagine di Terra Meridiani, dal sito della NASA

 

Il team di Odissey e’ al lavoro per elaborare le immagini infrarosse, lavoro complesso e difficile. Una volta terminato, pero’, tale lavoro dovrebbe consentire di verificare alcune importanti teorie concernenti la formazione degli “strati” riscontrati sulla superficie del pianeta rosso.

Ulteriori particolari disponibili sul sito di Spaceflightnow.

Acqua su Marte?

Interessanti risultati della sonda

Mars Odissey rivelano che potrebbero esserci notevoli quantita’ di acqua appena qualche centimetro sotto la superficie del “pianeta rosso”

Rilevanti depositi di acqua allo stato ghiacciato potrebbero trovarsi sotto la superficie di Marte. In questo caso, e’ lo spettrometro a raggi gamma ad indicare la possibile presenza di acqua, dedotta dalla quantita’ di idrogeno che lo strumento indica dovrebbe essere presente appena al di sotto delle superficie del pianeta.

Maggiori informazioni si possono reperire su

Scientific American come pure su Spaceflightnow


Immagine “artistica” della sonda Odissey

Il sole “del giorno”

Da diverso tempo il gruppo di fisica solare dell’Osservatorio di Roma pubblica su web, praticamente in “tempo reale” le belle immagini del sole che vengono via via acquisite con il

Telescopio PSPT in opera nella sede di Monteporzio Catone.

Il PSPT è un telescopio rifrattore di piccolo diametro, che opera al limite di diffrazione acquisendo immagini del Sole a disco intero, per mezzo di tre filtri interferenziali a banda relativamente stretta. Il telescopio, con una montatura equatoriale e moto orario controllato da un computer, ha un disegno ottico che rende basso il livello di luce diffusa dello strumento.

(dalla vecchia pagina web del PSPT)


La piu’ giovane radio-pulsar…

Astronomi dell’universita’ di Manchester hanno scoperto la piu’ giovane pulsar che emette onde radio.

Tale scoperta, risultato di una delle piu’ accurate surveys radio mai condotte per ricercare delle pulsar, dovrebbe condurre i ricercatori ad una piu’ dettagliata comprensione dei meccanismi evolutivi di questi “resti stellari”.

Ulteriori informazioni (in inglese) si possono trovare al sito

Spaceflightnow


La sonda GAIA e i modelli della Via Lattea

Gli astronomi ritengono che i dati di GAIA daranno un forte impulso al perfezionamento dei modelli galattici….

Studi sulle popolazioni stellari risolte (ove si riescono a distinguere le stelle costituenti), come piu’ volte e’ stato sottolineato in queste pagine, offrono una grande opportunità per comprendere come le galassie si formano ed evolvono. Gli studi delle galassie ‘esterne’ ci hanno da tempo persuaso come per comprendere le galassie stesse, si debbano studiare separatamente le diverse componenti di cui sono formate: un nucleo, a volte una struttura a barra, un disco sottile, spesso accompagnato ad una struttura di disco spesso, un alone massivo e a volte povero in metalli. La Via Lattea, che può essere considerata un prototipo delle galassie che sono responsabili della gran parte della radiazione luminosa nell’universo, come e’ noto, possiede tutte queste componenti, e dunque una “mappatura” cinematica di tali componenti offrirebbe un’ opportunità unica per gettare luce su alcune questioni fondamentali dell’astronomia contemporanea.

GAIA e’ un ambizioso progetto dell’ Agenzia Spaziale Europea (ESA), che nasce con lo scopo di misurare le posizioni di un campione estremamente ampio di stelle galattiche, con una accuratezza mai raggiunta prima: GAIA dovrebbe riuscire a misurare, infatti, ben un miliardo di stelle appartenenti alla nostra Galassie e alle galassie più vicine. Oltre le posizioni, verra’ anche effettuata fotometria multicolore (in varie bande) e verranno misurate le velocita’ radiali. Tali dati saranno di grande utilita’ per gli astronomi interessati a migliorare il modello della struttura galattica.

Per quanto infatti i modelli galattici attuali abbiano raggiunto un buon grado di complessita’ e sofisticazione, molto ancora resta da comprendere sulle specifiche dinamiche di formazione delle diverse parti della galassia. Per molti versi preziose informazioni su questo sono portate dalle stelle piu’ vecchie e meno luminose, che ritengono memoria chimica/cinematica delle modalita’ di formazione della galassia stessa. La gran quantita’ di stelle investigate da GAIA, insieme alla capacita’ di risolvere anche stelle deboli, dovrebbe consentire notevoli progressi nella comprensione delle complesse dinamiche galattiche, come pure del ruolo eventuale delle piccole galassie nane nella formazione ed evoluzione delle popolazioni stellari delle galassie maggiori (tramite eventi di interazione mareale o di fusione).

Per far solo un esempio, capire meglio la struttura del disco spesso della Galassia, consentirebbe di ottenere informazioni sulla modalita’ di evoluzione della Galassie nonche’ sul possibile ruolo di incontri, nel corso degli ultimi miliardi di anni, con galassie piu’ piccole, quali le nane presenti in quantita’ numericamente rilevante nel Gruppo Locale. Altre importanti informazioni che si dovrebbero ottenere riguardano specificamente la galassia Andromeda (M31), una delle (poche) grandi galassie del Gruppo Locale.

In realta’ la grande quantita’ di dati di alta precisione che si attendono da GAIA porranno diversi problemi ai modelli teorici attuali, per cui la sfida consistera’ proprio nel modificare e perfezionare tali modelli, facendoli diventare via via piu’ sofisticati, con l’obiettivo di raggiungere una intesa soddisfacente con i dati che saranno forniti da GAIA.