Acqua su Marte!

Ormai lo sapranno anche i più distratti (o affaccendati), perché il clamore dell’annuncio della NASA di ieri pomeriggio ha contagiato rapidamente i media, anche i più generalisti. Per dire, ieri al giornale radio del pomeriggio su Radio Tre è stata debitamente riportata (ed era passata appena un’oretta dall’annuncio ufficiale).

Acqua su Marte, dunque. Essendo una notizia NASA si può supporre che siano ragionevolmente sicuri. E se pur non è una assoluta novità (ripesco proprio da questo sito una pur stringata notizia di dodici anni fa…) stavolta le evidenze sembrano decisamente più robuste.

Non è il caso qui di spendere altre parole sulla faccenda in sé, del resto già da ieri sera in rete si potevano trovare molte informazioni qualificate e rigorose, come quella su Media INAF, per esempio. Per chi mastica un po’ di inglese vale certamente la pena percorrere (e magari salvarsi) l’annuncio ufficiale NASA, che – anche qualora fosse smentito – è probabilmente destinato a rimanere (stavolta possiamo dirlo) “storico”. Suggerirei anche, per avere un ragionato quadro d’insieme dell’importanza dell’annuncio, di leggere anche l’intervista che oggi pubblica Il Sussidiario a Piero Benvenuti, professore di Astronomia dell’Università di Padova e segretario dell’Unione Astronomica Mondiale (IAU). Interessante per mettere nel giusto quadro anche gli entusiasmi (appena) un po’ frettolosi riguardo l’eventualità della vita su altri pianeti.

Per il resto, i siti di molti quotidiani riportano la notizia, si può senz’altro fare un giro istruttivo, sempre tenendo presente che anche qualche giornalista può farsi prendere da un po’ di (giustificata) eccitazione. Ma anche se si tratta di Marte, è bene stare con i piedi per terra. Ci vogliono sicuramente conferme e studi approfonditi. Ma la notizia c’è.

Il “cinguettìo” della NASA che riporta lo storico annuncio è stringato e molto assertivo, come potete vedere. Al momento di “andare in stampa” risulta ridiffuso 44.823 volte e inserito come preferito da 29.250 utenti. C’è però da scommettere che quando leggerete queste cifre saranno già abbastanza diverse…

Tanto che anche Google stamattina, devo dire in maniera piuttosto simpatica, celebra l’annuncio NASA con uno dei suoi ormai celebri doodle (cliccate sulla figura per ammirarlo in azione)

Schermata 2015-09-29 alle 08.59.41

Da un punto di vista più generale, quello che possiamo dire – parrà forse ovvio ma va detto – è che la pletora di sonde e strumenti in giro per il Sistema Solare stanno portando veramente nuova linfa a questa avventura conoscitiva di per se davvero elettrizzante. E che per giunta è seguitissima sui media: a differenza di argomenti senz’altro più elusivi ed esoterici (come molte tematiche cosmologiche) la ricerca sul nostro sistema di pianeti si presta benissimo ad essere divulgata in ampie parti, senza eccessiva banalizzazione.

E’ fin troppo evidente (ne parlavamo anche su Mediterranea qualche settimana fa…) come l’avventura di ricerca nello spazio si configuri come l’inevitabile e logico prolungamento di quella che è stata – nei secoli scorsi – la stupenda avventura della scoperta del nostro stesso pianeta.

colombo

Il viaggio di Colombo. La soglia dell’avventura umana  si sposta sempre avanti, ma l’avventura rimane la stessa… 

Un’avventura che vale la pena di fare tutti, di fare – davvero – insieme.

Herschel, il Sistema Solare si capisce dall’acqua

Una delle molecole più interessanti che gli astonomi (e gli scienziati in generale) si possano trovare a dover studiare è senz’altro l’acqua. Come sappiamo, è assai abbondante sulla Terra, ed è anche indispensabile alla vita. L’acqua si forma piuttosto facilmente – se le condizioni ambientali sono favorevoli – tanto è vero che anche le regioni esterne del Sistema Solare sono piene di corpi “ghiacciati”. 

La ricerca di acqua al di fuori del nostro pianeta va condotta… da fuori (appunto), poiché l’atmosfera terrestre interferisce pesantemente su tale tipo di misure. E’ il campo di lavoro ideale per le sonde, come Herschel. Orbene, nel 2010 la cometa Hartley 2 si trovò a passare relativamente vicino alla Terra. L’occasione era davvero ghiotta, visto che la cometa proveniva dalla lontana regione della fascia di Kuiper, e solo l’orbita molto allungata permetteva questa incursione nei paraggi del Sole di un corpo proveniente dagli spazi più remoti. Gli strumenti di Hartley 2 si sono attivati e hanno stabilito che la composizione dell’acqua della cometa è molto simile  a quella degli oceani terrestri.Il fatto che la natura dell’acqua sulla cometa e sulla Terra sia molto simile, sicuramente rinforza l’ipotesi per la quale sarebbero proprio le comete ad aver portato l’acqua sul nostro pianeta.

Rappresentazione artistica del disco di gas e polvere intorno alla giovanissima stella TW Hydrae (Crediti: ESA/NASA/JPL-Caltech/WISH)

Ma non è tutto qui: la sensibilità degli strumenti di Herschel ha permesso anche di studiare il materiale in orbita intorno ad altre stelle, come TW Hydrae. La stella è poco più piccola del Sole, ma è molto, molto più giovane. Ad una età di appena 10 milioni di anni, possiamo pensarla come una stella “adolescente”. Fosse stata il nostro Sole, per i pianeti avremmo dovuto aspettare ancora decine o centinaia di milioni di anni!

Alla distanza di 175 anni luce, non possiamo pretendere troppo dagli strumenti di Herschel – non è possibile uno studio dettagliato. Ugualmente, la sensibilità della sonda ha permesso di trovare segnali di vapore acqueo e di determinarne locazione e temperatura. In particolare, il vapore risulta “strappato via” dai grani di ghiaccio dalla luce stessa della stella, ma si riscontra ad una temperatura di circa -170 gradi Celsius. Decisamente molto più freddo di quanto si riteneva finora. Trovare vapore a tale temperatura indica come questo debba essere presente in ampie zone del disco stellare.

Sono appena due esempi di come lo studio dell’acqua sia fondamentale per  la comprensione stessa delle modalità di formazione ed evoluzione del Sistema Solare. Molto ancora possiamo aspettarci di comprendere dall’analisi della distribuzione dell’acqua nell’universo a noi più prossimo: la storia di questa molecola e la storia della nostra stella e dei suoi pianeti, risultano fortissimamente allacciate.

Herschel Press Release

Acqua nell’atmosfera stellare, dalla radiazione ultravioletta

La sonda Herschel ha appena scoperto un ingradiente di importanza fondamentale nella produzione di acqua nell’atmosfera di alcune stelle: la luce ultravioletta!  E’ la sola spiegazione possibile per interpretare la presenza delle gigantesche nubi di vapor d’acqua che si trovano spesso intorno alle stelle nelle ultime fasi della loro evoluzione. I risultati di questa ricerca sono appena stati pubblicati nella prestigiosa rivista Nature.

Ma andiamo con ordine. Ogni ricetta degna di questo nome, include un ingradiente “segreto”. Quando gli astronomi trovarono una inattesa nube di vapore acqueo intorno alla stella vecchia CW Leonis, nell’anno 2001, furono immediatamente curiosi di scoprirne la sorgente. La faccenda infatti era curiosa: si sapeva che l’acqua è presente intorno a diversi tipi di stelle, ma CW Leonis è una “stella al carbonio”, cioè di una categoria che non dovrebbe produrre acqua. Tanto è vero che le ipotesi iniziali si aggiravano sulla possibilità che l’acqua fosse prodotta da comete in evaporazione, oppure anche da piccoli pianeti.

La stella la carbonio CW Leonis vista da Herschel. Crediti: ESA / SPIRE / PACS / MESS Consortia

Ora però gli strumenti PACS e SPIRE a bordo di Herschel hanno potuto rivelare il famoso “ingradiente segreto” individuandolo appunto nella luce ultravioletta: il vapor d’acqua è troppo caldo per provenire dalla distruzione di corpi celesti, inoltre è ben distribuito attraverso tutto il vento stellare, in una zona che si spinge anche al di sotto della superficie della stella medesima. Questo fa pensare al fatto che l’acqua sia stata creata da un fenomeno chimico, mai ipotizzato finora, per il quale la radiazione ultravioletta proveniente dallo spazio intertstellare riesce a scindere le molecole di monossido di carbonio, rilasciando atomi di ossigeno. A questo punto il gioco è fatto: l’ossigeno liberato interagisce con l’idrogeno presente in abbondanza, e forma molecole d’acqua.

Riguardo a CW Leonis, possiamo dire che è una stella gigante rossa, solo poche volte più grande del nostro Sole, che però si è espansa nell’arrivo in fase di gigante, per  un raggio di centinaia di volte quello originario. Le reazioni nucleari al suo interno stanno convertendo l’elio in carbonio, molto del quale finisce per esporsi sulla superficie della stella medesima (di qui il nome di “stella al carbonio”). Proprio l’abbondanza di carbonio faceva pensare agli astronomi che l’acqua non potesse esistere in tali ambienti: con tutto il carbonio presente, ci si aspettava che l’ossigeno fosse tutto “bloccato” nelle molecole di monossido di carbonio (CO). A tale quadro mancava, come abbiamo visto, di tenere in considerazione l‘ingradiente segreto

Il prof. Mike Barlow, coautore dell’articolo pubblicato su Nature, si spinge a dire che “La scoperta del vapor d’acqua dal vento proveniente da una stella al carbonio ha richiesto una completa rivisitazione dei nostri modelli dei processi chimici in tali flussi, e testimonia le eccezionali capacità degli spettrometri a bordo del Telescopio Spaziale Herschel”

Potete leggere maggiori dettagli nella Press Release di Herschel


La Luna? non è arida come si pensava!

In uscita i sorprendenti risultati dei rilievi di tre veicoli spaziali: “prove inequivocabili” che sulla Luna c’è acqua, e probabilmente se ne forma di nuova in continuazione.

Quando le missioni umane Apollo riportarono sulla Terra dei campioni di roccia lunare, le analisi rilevarono esigue tracce d’acqua, ma si pensò che fosse di origine terrestre, perché i contenitori usati per trasportare le rocce avevano subìto delle perdite. Per questo si diffuse l’idea che la Luna fosse totalmente arida, tranne forse per qualche accumulo in alcuni crateri presso il polo sud lunare, nei quali la luce solare non arriva mai.

I dati acquisiti di recente dalla sonda indiana Chandrayaan-1 (nel disegno qui sopra) e negli anni scorsi dai passaggi delle sonde statunitensi Cassini e Deep Impact mettono però in dubbio quest’idea. Tutte e tre hanno infatti rilevato più volte il segnale spettrale dell’acqua o del gruppo ossidrile. E lo hanno rilevato in superficie, dato che i rilevamenti degli strumenti non penetrano nel terreno che per qualche millimetro. Il segnale è inoltre più intenso verso le regioni polari, e secondo Deep Impact la presenza d’acqua varia a seconda dell’ora del giorno lunare. C’è più acqua al mattino che a mezzogiorno.

Ma quanta? Chi sta immaginando poetiche distese di rugiada lunare resterà deluso: si stima che ci sia un litro d’acqua per tonnellata di suolo lunare, ossia meno che in qualunque deserto terrestre.

Continua a leggere La Luna? non è arida come si pensava!