Disponibili migliaia di nuove immagini di Marte

Migliaia di immagini di Marte provenienti da più di 1500 osservazioni effettuate dal Mars Reconnaissance Orbiter, sono state appena rilasciate e rese disponibili dalla NASA: queste ci mostrano una vasta gamma di colline, dune, crateri, strati geologici e altre interessanti caratteristiche del pianeta rosso.

La camera di High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) sulla sonda ha acquisito queste immagini dal mese di aprile a quello di agosto, quest’anno. Il team della camera, all’Università dell’Arizona (Tucson), rilascia diverse immagini ogni settimana, e periodicamente rende pubblico un set esteso di nuove immagini, come quello che è stato appena rilasciato.

Questa immagine proviene dalla camera del High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) camera sul  Mars Reconnaissance Orbiter e mostra i bordi del cratere Hale nella parte sud del pianeta.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona.

Le nuove immagini sono disponibili all’indirizzo http://hirise.lpl.arizona.edu/releases/sept_09.php.

Ogni immagine completa da HiRISE copre una striscia di territorio marziano larga circa 6 chilometri, lunga da due a quattro volte la larghezza, e mostra dettagli fino alla larghezza di un metro.

Il Mars Reconnaissance Orbiter sta studiando Marte con un avanzato insieme di strumenti, fino dal 2006. Il lavoro svolto è stato ottimo: basti dire che finora ha riportato a terra più dati del pianeta di tutte quante le passate ed attuali missioni su Marte messe insieme!

NASA/JPL Press Release

Una vista suggestiva del Victoria Crater

La camera ad alta risoluzione a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter ci ha appena regalato una suggestiva immagie del cratere marziano che la sonda ha esplorato ormai per due anni. Quello che vediamo qui sotto è il Victoria Crater, visto da un’angolazione paragonabile a quella che si potrebbe godere osservando il panorama da una finestra di aereoplano. Alcune delle numerose immagini già acquisite, meno “angolate” di questa, hanno aiutato il team del rover a scegliere la traiettoria più sicura per Opportunity e hanno  contribuito proficuamente agli studi scientifici sul pianeta.

L’immagine del Victoria Crater ottenuta dalla camera HiRISE del Mars Reconaissance Orbiter
Crediti: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

Il Mars Reconnaissance Orbiter è occupato a studiare Marte – con un insieme di strumenti sofisticati – dal 2006. Non si può dire che in questo tempo non si sia dato da fare: difatti ha già inviato a Terra più dati riguardo al pianeta rosso di tutte le missioni passate ed attuali messe insieme!

NASA/JPL Press Release