Rilasciato Stellarium 0.12.3

Per quanto sia bizzarro il vezzo di rimanere ad una versione “0.x”, Stellarium è ormai un programma maturo e con diverse interessanti caratteristiche. Per citare solo quelle relative ai dati del cielo che il programma gestisce, basterà snocciolare qualche dato di quelli che si possono leggere nel sito del progetto:

  • catalogo predefinito di oltre 600.000 stelle
  • cataloghi extra con più di 210 millioni di stelle
  • asterismi e illustrazioni delle costellazioni
  • costellazioni per 15 diverse culture
  • immagini degli oggetti del cielo profondo (tutto il catalogo di Messier)
  • Via Lattea realistica
  • atmosfera altrettanto realistica con alba e tramonto
  • pianeti e loro satelliti
0.10-from-mars
Stavolta l’immagine di Marte non viene da un rover, ma da programma per computer… (Crediti: Stellarium website)

La versione 0.12.3 è stata rilasciata appena tre giorni fa e contiene un nuovo plugin per le Nove brillanti, insieme ad alcune correzioni del codice. Potete scaricarla dal sito ufficiale, in maniera completamente gratuita.

Nuova versione di Stellarium, il cielo portatile

Due nuove versione per il popolare programma Stellarium, che permette di esplorare la volta celeste, traendo vantaggio da un notevole database che comprende oltre 600.000 stelle (con cataloghi extra di più di 120 milioni di oggetti!), con la rappresentazione delle costellazioni, immagini delle Nebulose (tutto il catalogo di Messier), rappresentazione realistica della Via Lattea, pianeti e satelliti. Include effetti realistici di alba e tramonto, zoom, controlli telescopio…

… insomma ce ne sono di caratteristiche interessanti, per convincere a fare un giro con Stellarium anche a chi sia anche solo vagamente appassionato di astronomia…!

Una schermata del programma Stellarium.
Si parte dal quartier generale di ESO, a Garching, presso Monaco di Baviera…

La versione 0.10.3 è stata rilasciata il 29 gennaio, con nuove caratteristiche come dei plug in per predire la posizione di satelliti artificiali, un database che incorpora un’altra “cultura del cielo” (quella Azteca) e altre cose di cui vi lascio il piacere della scoperta 😉

La versione 0.10.5 è appena di ieri, e comprende una correzione di numerosi bugs, un tempo di caricamento ridotto e altre migliorie.

Stellarium è disponibile per i maggiori sistemi operativi (Windows, Linux e Mac OS X) ed è gratis e per di più è “open source”. Che si può pretendere di più…?

Il sito web di Stellarium è www.stellarium.org .