Guardando come si formano i pianeti…

Utilizzando lo strumento “Vizir” montato al Very Large Telescope dell’ESO, alcuni astornomi sono riusciti a “mappare” il disco di una stella più massiccia del Sole. La cosa interessante, è che tale disco è molto esteso e quasi certamente contiene abbastanza gas e polveri da formare pianeti…

Al momento, appare come un precursore dei “classici” dischi di “detriti”, come quello che si osserva intorno a stelle del tipo di Vega, e dunque ci fornisce la rara opportunità di osservare le condizioni di un ambiente che è in procinto di formare pianeti, o già li sta formando…

Nonostante infatti si riconosca da tempo che i pianeti si formano da questi dischi che circondano la stella intorno alla quale orbiteranno, assai poco ancora si sa della loro esatta natura e caratteristiche, in special modo di quelli che si formano intorno alle stelle più grandi…



ESO Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Astrofisico, divulgatore, scrittore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *