La potenza dello sviluppo open

NASA ricerca volontari. Requisiti necessari: nutrire una passione per la programmazione, e condividere la filosofia del software open source. Il nuovo progetto si chiama CosmosCode e sarà un incubatore di innovazione, una piattaforma aperta alla collaborazione di aziende, di comunità e di singoli sviluppatori…

CosmosCode, rivela Wired, è stato lanciato in sordina lo scorso anno nell’ambito del programma CoLab, improntato all’apertura e alla ricerca di sinergie con l’imprenditoria della Silicon Valley. I primi sviluppatori di CosmosCode si sono stabiliti presso la Space CoLab Island nel metamondo di Second Life, con l’intento di guadagnare visibilità e di sondare il terreno riguardo alle adesioni da parte di volontari ed imprese.

“CoLab sta costruendo un’infrastruttura che incoraggi e faciliti la partecipazione diretta ai progetti e ai programmi NASA da parte di pubblico talentuoso e interessato”, annuncia Robert Schingler, project manager di NASA CoLab. NASA, infatti, renderà disponibile, e aperto, il codice che aveva accompagnato le missioni del passato, affinché possa essere riusato e ricombinato, in vista di progetti futuri. Gli interessati potranno convergere su uno spazio appositamente approntato dall’agenzia spaziale, che offrirà guide, Wiki, strumenti di social networking per mettere in comune competenze e idee, per lavorare in maniera collaborativa sul codice condiviso.

CosmosCode sarà una comunità di apprendimento aperta e basata su una wishlist che annovererà numerosi software, da quelli gestionali, per l’organizzazione delle missioni, a quelli destinati ad affiancare il volo. Gli organizzatori scommettono che le comunità emergeranno, si auto-organizzeranno in base agli obiettivi, coinvolgendo individui ed istituzioni, aziende e agenzie spaziali in una peer production incentrata sugli obiettivi e sui codici socializzati.

Lo scopo del progetto? Innanzitutto osservare come le dinamiche flessibili e collaborative proprie della filosofia “open” possano giovare in termini di produttività e in termini economici a progetti tradizionalmente elefantiaci e burocratizzati. CosmosCode, inoltre, incoraggerà la comunicazione e la condivisione tra gli esperti NASA e gli attori esterni, che rappresentano una forza-lavoro entusiasta, che spesso vantano un patrimonio di idee e intuizioni scaturite dalla passione. Personalità che potranno formarsi e guadagnare competenze da spendere presso aziende e istituzioni, o presso la stessa agenzia spaziale americana.

Apertura e trasparenza non sono attributi tradizionali di organizzazioni burocratizzate e circondate da un alone di segretezza come la NASA. Ma gli organizzatori sostengono che creando un ecosistema aperto ai contributi di imprese e volontari possa rivelarsi fruttuoso, e possa sensibilizzare anche le alte gerarchie nei confronti di una cultura imprenditoriale aperta e collaborativa.

Del resto, se CosmosCode costituisce la prima “chiamata alle armi” ufficiale dell’agenzia spaziale americana, non mancano progetti NASA che si offrono all’affinamento da parte delle comunità di utenti e sviluppatori, quali World Wind e Java Pathfinder, il cui codice è rilasciato sotto licenza NASA Open Source Agreement, che invita all’uso e al riuso, alla modifica e alla distribuzione.

Gaia Bottà

Pubblicata su licenza Creative Commons da parte di Punto Informatico

Pubblicato da

Marco Castellani

Astrofisico, divulgatore, scrittore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *