Nuove tecniche per la “caccia” alle galassie…

Un team di astronomi è riuscito, utilizzando il Very Large Telescope dell’ESO, a rintracciare in un singolo passaggio, ben dodici galassie mai individuate prima…

Il metodo di ricerca adottato è ingegnoso, e si basa su una tecnica che può rappresentare un grosso passo in avanti nel settore specifico della “caccia” delle galassie.

In particolare, gli astronomi hanno utilizzato i quasar come “segnale” per individuare queste galassie: i quasar infatti sono oggetti molto distanti di grande luminosità, che possono essere usati per rivelare la eventuale presenza di galassie che possono trovarsi tra noi e il quasar stesso. La presenza di una galassia nella linea di vista del quasar è infatti segnalata da un “buco” nello spettro del quaasar, causato dall’assorbimento della luce ad una specifica lunghezza d’onda.


Le “nuove” galassie appena individuate

Credits: SINFONI/VLT

Il team di astronomi ha dunque pensato di usare un catalogo di quasar molto esteso, per cercare espressamente i quasar con “buchi” nello spettro. Il passaggio successivo è stato quello di concentrarsi nella ricerca di galassie nelle zone di cielo intorno ai quasar selezionati… la ricerca si è potuta spingere fino ad oggetti molto lontani, grazie al VLT, la cui luce è stata emessa quando l’Universo aveva appena sei miliardi di anni, all’incirca la metà dell’età attuale…



ESO Press Release


Pubblicato da

Marco Castellani

Astrofisico, divulgatore, scrittore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *