Le abitudini alimentari dei… buchi neri

Saranno pure supermassivi, ma si “nutrono” come i buchi neri più piccini. Sono i buchi neri al centro delle galassie. La scoperta si deve ad osservazioni Chandra (e ad osservazioni di telescopi a Terra), e conferma la teoria della relatività…

Un recente studio condotto utilizzando dati dalla sonda Chandra e da telescopi con base a terra, combinato con
modelli teorici, ha mostrato come il buco nero supermassivo nella galassia M81 si nutra esattamente come i ben
più minuti buchi neri stellari, di massa pari ad alcune volte quella del Sole.

La scoperta conferma le implicazioni della teoria della relatività di Einstein, secondo le quali tutti i buchi
neri – di qualsiasi dimensione – dovrebbero presentare proprietà simili, e sarà utile per predire le proprietà
di una “nuova” classe di buchi neri, ipotizzata dalla teoria.




L’immagine della galassia M81, a circa 12 milioni di anni luce
dalla Terra. E’ incluso un box con i dati in banda X raccolti
dalla sonda Chandra. I dati in banda ottica provengono dal telescopio
Hubble e quelli in infrarosso dalla sonda Spitzer.

Credits: X-ray: NASA/CXC/Wisconsin/D.Pooley & CfA/A.Zezas; Optical: NASA/ESA/CfA/A.Zezas; UV: NASA/JPL-Caltech/CfA/J.Huchra et al.; IR: NASA/JPL-Caltech/CfA

Il buco nero supermassivo al centro di M81 è addirittura settanta milioni di volte più massivo del Sole. E’ dunque davvero interessante – e tutt’altro che scontato – scoprire che buchi neri di dimensioni tanto diverse abbiano comportamenti simili.



Chandra Press Release

Pubblicato da

Marco Castellani

Astrofisico, divulgatore, scrittore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *