La superficie di Venere

Ma se tu potessi stare su Venere, cosa vedresti? Bene, questo è ciò che vide Venera 14, un lander sovietico che (a distanza di pochi giorni dal gemello Venera 13) fu paracadutato entro l’atmosfera venusiana nel marzo del 1982.

Quel che vide, Venera 14. Crediti: Soviet Planetary Exploration ProgramVenera 14;
Processing & CopyrightDonald Mitchell & Michael Carroll (riprodotta con il permesso)

Il panorama risulta piuttosto desolato: mostra diverse grandi rocce piatte, vasto terreno vuoto e un cielo grigio, sopra la regione Phoebe, nei pressi dell’equatore del pianeta. Nondimeno è interessantissimo a mio avviso, ed è anche chiaramente differente da quello marziano, a cui ormai siamo più abituati.

In basso a sinistra si vede la sonda di perforazione della navicella, utilizzata per effettuare misurazioni scientifiche, più a destra una macchiolina chiara è semplicemente un copriobiettivo espulso.

Venera 14 è stata eroica. Per un’ora ha resistito a temperatura superiori ai 450 gradi Celsius, e pressioni 75 volte quelle terrestri. La durata progettata era di 32 minuti, ma è stata quasi raddoppiata. Per quanto i suoi dati siano stati trasmessi a Terra quasi quarant’anni fa, l’elaborazione digitale continua ancora oggi, avvalendosi delle nuove tecnologie, per estrarre ogni minimo scampolo di informazione acchiappato da questa preziosissima sonda.

Non c’è solo Marte, dopotutto. Questo è il bello, c’è una varietà incredibile che ci aspetta, là fuori. Serve dedizione e pazienza per arrivare a vedere questi panorami. Ci vuole capacità di sognare prima di tutto, e poi dare forza e valore al sogno, costruendoci sopra giorno per giorno. Ci vuole ardimento e fatica, per far fiorire un sogno. Ma ne vale la pena.